Clay Paky al 15° Durban ICC

Clay Paky al 15° Durban ICC

Anno

2012

Luogo

Sudafrica

Lighting designer

Simon Hampton

Produzione/Rental

Black Coffee

Prodotti correlati

data pubblicazione: 29 Dicembre 2012

Inaugurato nel 1997 da Nelson Mandela, il pluripremiato Durban ICC ha festeggiato il suo 15° anniversario con un grande ricevimento. Con 33.000 m² a disposizione dei clienti, l'International Convention Centre (ICC) è uno dei più grandi spazi per esposizioni e congressi esistente in Africa.

Quest'anno il Durban ICC ha ricevuto per l'undicesima volta in 12 anni il prestigioso riconoscimento World Travel Awards, che premia l'eccellenza in tutti i settori del turismo, come “Centro per conferenze e riunioni Numero 1 in Africa”. L'ICC ha accolto al suo interno re, regine, presidenti, attori, personalità e icone del mondo dello spettacolo ed ha ospitato alcune fra le più importanti conferenze mondiali.

L'obiettivo del progetto richiedeva all'organizzatore di eventi di mettere in evidenza la capacità, la versatilità e la flessibilità dell'ICC di allestire alcuni dei principali eventi internazionali. A vincere la gara per l'appalto dell'organizzazione dell'evento presso l'ICC è stata la Makulu Events, che ha invitato un certo numero di società a proporre design e idee. Makulu stessa aveva suggerito l'utilizzo di tecnologia d'avanguardia che incorporasse schermi a LED. Black Coffee ha proposto un concept comprendente palco, set, supporti audiovisivi e illuminotecnici che invece andavano in direzione contraria rispetto a questo suggerimento. Black Coffee caldeggiava infatti un set tridimensionale di 20 metri di larghezza per 8 metri di altezza diviso in piani, che avrebbe fatto da sfondo alla mappatura audiovisiva al posto degli schermi a LED.

“A partire dalla Coppa del Mondo di calcio si è registrato un uso smodato di schermi a LED in eventi di qualsiasi budget. Ma, per quanto suggestiva, questa soluzione è diventata troppo comune nei grandi avvenimenti e non è più all'avanguardia”, sostiene Brandon Bunyan di Black Coffee.

La gara d'appalto è stata suddivisa in varie sezioni: Audiovisivi, suono e luci palco, e Set e strutture. “Eravamo elettrizzati dal fatto che l'incarico per la componente audiovisiva dell'evento fosse stato assegnato a Selbys, dato che Selbys è una delle sound company più rinomate del Sudafrica e, per far funzionare la nostra proposta per il set, avevamo bisogno della loro attrezzatura e competenza in materia di mappatura audiovisiva. Eravamo certi di avere un team tecnico assolutamente compatto”, ha dichiarato Llewellyn Pieters, Production Manager.

Dopo essere stato inevitabilmente sfrondato, l'elenco degli articoli richiesti dal lighting designer Simon Hampton ha incluso, fra l'altro, 12 Sharpy di Clay Paky. “Le luci dovevano essere appese sufficientemente in alto per lasciare libero lo schermo alto 8,6 metri. Con uno spazio libero di soli 1,4 metri si inserivano proprio a misura. L'uso delle teste mobili Sharpy ha garantito buoni effetti senza che il loro fascio interferisse con i prodotti HD di Selbys”, ha affermato Simon.

È piuttosto interessante segnalare che Simon, Brandon e Llewellyn di Black Coffee e Roger Mc Fall di Selbys avevano già collaborato all'inaugurazione dell'ICC nel 1997, ma tutti quanti lo avevano fatto alle dipendenze di altre società.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it