Clay Paky illumina il Giubileo della Regina d’Inghilterra

Clay Paky illumina il Giubileo della Regina d’Inghilterra

Anno

2012

Luogo

Regno Unito

Lighting designer

Durham Marenghi

Produzione/Rental

Neg Earth

Prodotti correlati

Collegamenti esterni

data pubblicazione: 7 Giugno 2012

UK – Gli Sharpy Clay Paky con una speciale finitura raffigurante la bandiera del Regno Unito risplendevano domenica vicino alle più famose stelle del pop per celebrare il Giubileo della Regina Elisabetta II.

Gli Sharpy “patriottici”, vestiti con questo abbigliamento personalizzato e confezionato su misura per questo evento, sono stati tra i protagonisti nel tripudio dei festeggiamenti, non solo contribuendo a diffondere i colori della bandiera del Regno Unito durante il giorno, ma soprattutto sparando i loro prodigiosi raggi di luce concentrata simile all’effetto laser durante le celebrazioni della notte, che hanno contraddistinto il 60esimo anniversario del Regno della Regina.

Il rinomato lighting designer Durham Marenghi ha impiegato più di 240 prodotti Clay Paky, forniti dalla rental londinese Neg Earth, per ottenere una sorprendente varietà di effetti luminosi e dinamici per le performance delle superstar, che includevano Kylie Minogue, Elton John, Sir Paul McCartney, Grace Jones e molti altri personaggi molto noti della scena pop.

Trasmesso in tutto il mondo, ed a livello locale da una serie di megaschermi video attrezzati lungo l'intera lunghezza della Mall e nei dintorni di Royal Park, Marenghi aveva il suo bel da fare nel coordinamento di tutte le attività. Non solo ha dovuto fornire l’illuminazione adatta per ognuna delle più grandi rockstar al mondo, ma ha anche dovuto confezionare qualcosa di altrettanto avvincente per il pubblico che assisteva dal vivo e quello a casa davanti alla TV. Combinando con attenzione ampie panoramiche con close-up sulle scene teatrali, Marenghi è riuscito a trovare il giusto equilibrio sia per le riprese grandangolari che per quelle ravvicinate, sulla base delle esigenze delle telecamere.

Con un impianto luci inglobato nella struttura scenografica composto da Clay Paky Beam, Wash, Sharpy insieme al nuovo QWO 800, Marenghi parla del suo approccio: "Il mio ruolo era quello di assicurare che le musiche e i video fossero perfettamente integrati nel disegno luci, e coinvolgessero sia l’area del palco che il pubblico. E 'stata una giornata molto intensa per la gente presente. Con tutti gli show che si sono suceduti e le prestigiose tecnologie presenti, li abbiamo accompagnati in un viaggio nel vero senso della parola. In particolare, l'illuminazione doveva essere variata ed esaltare il contenuto musicale, a volte vivace e aggressivo, a volte tranquillo e rilassante."

Marenghi ha impiegato 32 Alpha Beam 700 e 4 Alpha Beam 1500 come principali luci frontali e ulteriori 60 Alpha Beam 1500 disposti in circolo lungo il palco. 60 Sharpy (‘60’ è il numero magico qui!) hanno circondato il Memoriale alla Regina Vittoria in fronte a Buckingham Palace. Il palco era illuminato da 32 Alpha Wash 700 e 42 Alpha Spot QWO 800, scelti, dice Marenghi, “per la loro compattezza e la profondità di campo eccezionale.” Le colonne di Buckingham Palace erano illuminate da Alpha Wash 1500, mentre il tetto ospitava ancora altri 4 QWO 800.

Si è fatto un gran parlare degli Sharpy personalizzati con l’effige della bandiera inglese, donati al concerto da Clay Paky. L’azienda italiana afferma che 'ha voluto contribuire a questo evento storico in un Paese che sta dando tante sodisfazioni al nostro marchio.'

Prima dell’evento, ogni Sharpy personalizzato ha dovuto sottoporsi a rigidi test di temperatura, per garantire che avrebbero potuto conservare le ben note qualità di proiezione, nonostante la nuova “carrozzeria”. "Abbiamo dovuto lavorare sia di giorno che di notte", spiega Marenghi. "Ci sono voluti 14 giorni di programmazione con il LD associato Tim Routledge e i programmatori Alex Passmore e Dave Hill. Abbiamo lavorato in tutte le condizioni atmosferiche, per questo era fondamentale non solo disporre di un gruppo di luci che si facessero vedere con una moltitudine di colori ed effetti, ma che fossero anche abbastanza affidabili e resistenti per affrontare tutte le condizioni meteo avverse. Ogni giorno abbiamo dovuto discutere se coprire o tenere coperte le luci esposte, che erano la maggior parte".

Il design originale di Marenghi prevedeva 60 searchlight a tenuta stagna intorno al palco ma il budget non lo permetteva. "Gli Alpha Beam 1500 hanno lavorato molto bene al loro posto, in punti in cui in certi momenti sembrava essere nella parte profonda di una piscina", dice ridendo.

"La scelta delle attrezzature per i miei disegni luce è sempre determinata da quello che vedo uscire dalla parte anteriore di un proiettore, piuttosto che da ciò che vedo scritto sul lato", dice Marenghi. "Negli ultimi cinque anni, da quando Clay Paky ha introdotto sul mercato prodotti originali e innovativi come i Beam e gli Sharpy, molti dei lighting designer più importanti al mondo, programmatori e tecnici hanno iniziato a considerare le luci della Clay Paky come una scelta preferenziale e in alcuni casi necessaria"

Pio Nahum, Direttore Commerciale di Clay Paky è entusiasta: "Mi riempie di soddisfazione vedere i nostri proiettori lavorare alla perfezione in un evento così unico e su un progetto così prestigioso. In molte delle fotografie ufficiali della manifestazione, gli Sharpy sembrano i protagonisti in prima linea! Siamo stati orgogliosi e felici di vedere Durham sfruttare a fondo tutte le possibilità creative delle luci. E' stato bellissimo vedere l'intera gamma di questi strumenti creativi utilizzati in una giornata memorabile nella storia del Regno Unito."

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it