Clay Paky protagonista nel ritorno degli Stone Roses

Clay Paky protagonista nel ritorno degli Stone Roses

Anno

2012

Luogo

Regno Unito

Lighting designer

Paul Normandale

Prodotti correlati

data pubblicazione: 15 Novembre 2012

Regno Unito - In uno dei più grandi ritorni dei nostri tempi, gli Stone Roses hanno scelto di lavorare con il Lighting Designer Paul Normandale per creare il design di quello che si può definire uno show di luci e video da lasciare senza fiato, a completamento del loro ampiamente annunciato 'tour-reunion’ di quest'estate. Tra le altre luci che condividono il palco con la band-icona di Manchester, ci sono gli Sharpy di Clay Paky e l'intero show è gestito da una grandMA2 full-size.

"Gli Stone Roses sono un gruppo che si concentra sull'impatto della musica, piuttosto che sulla grande produzione che li circonda; quindi la nostra sfida era quella di creare uno spettacolo di luci che non prevaricasse la musica, ma che consentisse al pubblico e alla band di 'sentire' il collegamento tra luce e musica," ha osservato il programmatore della grandMA2 Glen Johnson di Lite Alternative. "Verrebbe da descrivere lo show degli Stone Roses come uno 'spettacolo di strada' - in cui non c'è nulla di completamente programmato. L'uso della grandMA2 ha consentito a Paul [Normandale] di gestire lo show come voleva, con un ampio grado di flessibilità e opzioni. E' necessario avere una console affidabile che dia la possibilità di essere flessibili e creativi ad-hoc negli spettacoli dal vivo e di cambiare manualmente gli elementi di luce chiave per riflettere l'atmosfera e il ritmo della musica e della band".

L'impianto di illuminazione era caratterizzato da numerosi marchi, tra cui gli Sharpy di Clay Paky. Era la prima volta che Normandale utilizzava Sharpy. L'ha scelto specialmente perché voleva un 'fascio di luce verticale, stretto, concentrato e brillante". Spiega chiaramente che si è rivelata la scelta giusta. "Gli Sharpy si sono comportati perfettamente.  Erano decisamente luminosi sugli enormi schermi video e offrivano una diversa impressione lineare" sostiene.

"Mi hanno colpito le dimensioni e il peso, in rapporto alla potente emissione. Sulla base dell'esperienza che ho avuto con gli Sharpy in questo tour, so per certo che li utilizzerò ancora".

Johnson aggiunge: "Sharpy non è una luce mobile standard, l'abbiamo utilizzato proprio per il fascio di luce superconcentrato che offre, per la velocità e per creare quell''impatto foresta' che voleva Paul. Un'altra delle maggiori qualità di Sharpy è la sua efficacia nel 'colpire duro' anche nella luce delle prime ore serali. E' un apparecchio interessante, che offre ad uno show effetti ed atmosfere davvero particolari. E 'particolare' era quello che desideravamo creare."

"Alla Clay Paky è nata una star e stanno uscendo alcuni prodotti straordinari," dice Johnson. "Con l'attuale prezzo e la necessità di avere un adeguato ritorno di investimento, dobbiamo essere certi di acquistare dei prodotti che dureranno. Grazie agli Sharpy ed ora ai QWO800, Clay Paky ci sta offrendo la giusta combinazione".

"Ciò che apprezziamo nel fatto che Ambersphere Solutions sia distributore esclusivo nel Regno Unito di Clay Paky e MA Lighting è che ci sia una presenza affidabile nel Regno Unito in grado di fornire al cliente il supporto e il sostegno di cui abbiamo bisogno. La comprensione delle problematiche che possono insorgere quando siamo in tour, in questo ambiente, è importantissima e questo è il tipo di rapporto che abbiamo con Ambersphere", afferma Johnson. Normandale aggiunge: "E' la loro conoscenza specifica di una serie di prodotti specifici al nostro servizio".

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it