Gli Sharpy Clay Paky con Lostprophets

Anno

2012

Luogo

Inghilterra

Lighting designer

Ian Tomlinson

Prodotti correlati

data pubblicazione: 14 Agosto 2012

Gli Sharpy di Clay Paky hanno avuto uno spettacolare impatto visivo nel concerto in patria dei Lostprophets, la rock band gallese che ha presentato il suo quinto album registrato in studio intitolato "Weapons", uscito nell'aprile 2012.

Il pluripremiato lighting designer Ian Tomlinson di ADLIB Design, la divisione di ADLIB Solutions che si occupa di progettazione, ha utilizzato le teste mobili Sharpy per regalare uno show davvero speciale alla larga base di fedelissimi fan della band che, suonando alla Motorpoint Arena di Cardiff – ovvero nello stadio più grande del tour UK 2012 del gruppo - giocava decisamente in casa.

Promettendo una ‘performance in grande stile’, i Lostprophets erano decisi a lasciare il segno. Tomlinson ha impiegato l'impareggiabile emissione luminosa dello Sharpy, unita alla purezza del suo fascio concentrato come un raggio laser, per creare una varietà di spettacolari effetti a mezz'aria e backlight d'atmosfera in rapido movimento.

"Ho usato gli Sharpy come un effetto – un po' come un laser", spiega Tomlinson. “In particolare lo ho impiegati per creare dei grandi effetti sul pubblico. Stranamente mi è piaciuto un sacco l'effetto frost sul potente fascio, e il prisma a otto facce. Così come mi è piaciuto il modo in cui creano un fascio intenso, che fende tutta l'altra illuminazione nel rig, anche se sono collocati sul retro del palco.”

Di base nel Regno Unito, Tomlinson ha vinto nel 2011 il Total Production International (TPi) Award come lighting designer dell'anno. Il lavoro innovativo e ricco di immaginazione con cui ha ideato la parte illuminotecnica dello show di Ellie Goulding, artista vincitrice del Critics Choice Award ai Brit Award del 2010, gli ha fatto guadagnare la considerazione dei suoi colleghi. Proprio questa ha portato anche a una nomination per un Knight of Illumination Award, grazie al lavoro svolto per il gruppo house degli Swedish House Mafia e quest'anno per aver curato il lighting design per quattro palchi al Creamfields Festival.

Pio Nahum, Chief Commercial Officer di Clay Paky, ha così commentato: “E' fantastico vedere di persona cosa riesca a fare un LD come Ian con le nostre luci. Ed è altrettanto straordinario vedere i designer che definiscono nuovi limiti e trovano nuovi modi per sfruttare al meglio l'abbondanza di funzionalità dei prodotti messi a loro disposizione.”

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it