Acuto di Clay Paky allo show Keep Your Light Shining

Acuto di Clay Paky allo show Keep Your Light Shining

Anno

2014

Luogo

Germania

Copyright delle fotografie

Lichtbilder - Reinhard Goldmann

Lighting designer

Jerry Appelt

Produzione/Rental

MLS Magic Light + Sound

Prodotti correlati

data pubblicazione: 28 Luglio 2014

GERMANIA - Un impressionante schieramento di luci Clay Paky ha di recente occupato il palco centrale, o meglio i nove palchi, del nuovo e originale talent show interattivo, “Keep Your Light Shining”, il cui slogan è: “Non nascondere mai il tuo talento nell'ombra”. Lo show ha esordito sul canale German Pro7 e il lighting designer Jerry Appelt ha usato le luci come una delle componenti principali di questo spettacolo.

Il programma mette in evidenza dei giovani concorrenti di talento che a turno cantano una canzone in rapida successione e utilizza una sapiente illuminazione per enfatizzare l'importanza della breve chance che ciascun cantante ha di impressionare il pubblico che lo ascolta. Con appena 15-20 secondi a disposizione per cantare sotto i riflettori, è chiaro che i partecipanti devono fare del loro meglio per avere un certo impatto prima che le luci si spostino sul concorrente successivo. Al termine del brano, spetta al pubblico votare per eliminare uno dei partecipanti al talent show. I turni eliminatori continuano fino ad arrivare a uno scontro finale a due, dal quale esce il vincitore.

Lo show è un format di Global Agency, distributore di format turco protagonista di una delle più rapide ascese nel settore. La Germania è la prima nazione al mondo a mandare in onda lo show.

Considerato che l'illuminazione doveva essere una delle componenti chiave dello spettacolo, Appelt ha scelto per la maggior parte proiettori Clay Paky, mettendo in campo uno sbalorditivo schieramento comprendente 54 Alpha Spot HPE 1500, 24 Alpha Spot QWO 800, 12 Alpha Profile 800, 36 Alpha Beam, 88 Sharpy e 48 A.leda B-EYE. Il lighting equipment è stato fornito da MLS Magic Light + Sound in Germania.

Appelt spiega che “lo spettacolo prevede una votazione dal vivo per nove esibizioni con nove angoli di ripresa, e poiché la luce viene dettata dall'esito del voto che ha luogo sul momento non è possibile effettuare prove. Proprio questo ha richiesto una game machine che permettesse di controllare il segnale MIDI per passarlo attraverso un sistema grandMA e sequenziare le luci. Luci che devono essere assolutamente reattive ai rispettivi impulsi. Insomma, si tratta di una messa a punto piuttosto complessa.”

“I Profile 800 sono stati utilizzati per l'illuminazione sequenziale e nell'insieme avevamo 45 sequenze chiave per i nove palcoscenici. I proiettori Clay Paky trovano sempre la giusta collocazione. Per uno show come questo bisogna usare una luce di sicura affidabilità e in questo senso io mi fido sempre di Clay Paky. E c'è bisogno anche di una potente emissione luminosa, per questo preferisco affidarmi all'Alpha Beam per ottenere l'effetto desiderato.”

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it