Clay Paky brilla al Festival Estivo del Bahrein

Clay Paky brilla al Festival Estivo del Bahrein

Anno

2014

Luogo

Bahrein

Lighting designer

Sonu A.B.

Produzione/Rental

Showtech, Maestro

Prodotti correlati

data pubblicazione: 13 Novembre 2014

Bahrain – Lo scorso agosto il Bahrain International Exhibition Centre ha ospitato ancora una volta uno degli eventi più entusiasmanti del calendario d'estate del Bahrain, il Festival Estivo, con una serie di luci Clay Paky e la loro immensa gamma di effetti che metteva in risalto ognuna delle esibizioni.

Per il rig del festival, il direttore dell'illuminazione del progetto, Sonu A.B. di MA Lighting, ha scelto le ultraversatili luci Clay Paky come strumento per soddisfare le esigenze di tutti gli artisti internazionali. Sonu ha utilizzato 12 Alpha Profile 1200, 24 Sharpy, 10 Sharpy Wash 330, 12 A.leda B-EYE K20 e 10 A.leda B-EYE K10, forniti da Showtech e Maestro che hanno uno dei più ampi assortimenti di luci Clay Paky della regione.

"La maggior parte delle scene era illuminata dai B-EYE. Per Abood's Dream, uno degli spettacoli, dovevamo creare delle scene fantasiose da abbinare agli schermi a led," spiega Sonu. "Questi fari ci permettevano anche di variare i colori degli sfondi grazie alla loro miscelazione cromatica e, per diversificare ogni scena abbiamo utilizzato gli effetti creati dalla loro fantastica lente frontale rotante. Ad un certo punto dello show, i B-EYE sono stati usati per creare delle increspature che davano vita ad uno scenario sottomarino molto realistico."

L'A.leda B-EYE K20 è un proiettore wash molto performante, ha un fascio concentrato straordinario e consente di creare nuovi e spettacolari effetti visivi. Ha una luminosità più intensa rispetto ad altre luci wash a led con la stessa potenza e  la lente frontale può essere ruotata per creare una miriade di piccole composizioni luminose, che si aprono e si chiudono.

"Alcuni dei lighting designer del tour non avevano mai usato i B-EYE e ne sono stati davvero ammaliati," continua Sonu. "Sono stati colpiti dalla saturazione dei colori e dagli effetti grafici. I B-EYE erano sicuramente la brillante star di uno degli show, il Freej (Abood's Dream). Personalmente li adoro. Sono un eccezionale strumento per l'illuminazione dei teatri e per il rock n' roll. Saranno decisamente i miei cavalli di battaglia tecnologici."

Utilizzati come beam, questi proiettori possono anche generare un fascio pulsante di micro-raggi, gestibili individualmente, ognuno con un colore o una sfumatura diversa.

"Il Lighting Designer ha apprezzato anche la luminosità, i colori eccezionali, il sorprendente dimming e il controllo del movimento degli Sharpy e degli Sharpy Wash 330," racconta Sonu.

"Nell'insieme il festival è stato un altro gran successo. Migliora con il tempo, grazie anche a Showtech e a Maestro che investono ogni anno nelle fantastiche luci Clay Paky."

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it