Clay Paky dà luce al Vivid Festival di Sydney

Clay Paky dà luce al Vivid Festival di Sydney

Anno

2015

Luogo

Australia

Copyright delle fotografie

Destination NSW

Lighting designer

Ziggy Zeigler

Prodotti correlati

data pubblicazione: 27 Giugno 2015

AUSTRALIA - Il Vivid Sydney è il più grande festival di luci, musica e idee dell'emisfero australe e quest'anno il porto di Pyrmont è stato trasformato in uno spazio coinvolgente e brulicante di esperienze multisensoriali in cui ognuno potesse 'programmare' il suo divertimento.
La zona propone una serie di eventi interattivi tra cui Mission Control che offre ai partecipanti l'opportunità di creare uno spettacolo di luci tutto loro per due minuti. Una volta scelto il brano musicale preferito, si può cominciare a giocare con 44 Sharpy e 10 Mythos di Clay Paky posizionati sul The Star e sulla Sky Terrace.

Il comando, posto in una cabina di vetro istallata nel parco di fronte a The Star, consiste in un grande controller touchscreen di un metro e mezzo circa con il quale si possono selezionare i colori, i movimenti e gli effetti.

"C'è anche un Controller Leap Motion, cioè un rilevatore ad infrarossi che consente di comandare l'intensità delle luci muovendo le mani nello spazio," ha spiegato Ziggy Zeigler, Lighting Designer di Mission Control. "Se preferite, potete regolare l'intensità con il touchscreen. Vi sarà fornito un breve sunto di come funziona il sistema e poi potete iniziare. Viene tutto registrato e postato in un sito web e può essere condiviso sui vostri social media."

Per quanto l'operazione sembri relativamente semplice, dietro si cela un sistema piuttosto complesso che utilizza un Coolux Widget Designer di Pandora per 'tradurre' quali tasti sono stati premuti sul touchscreen e comunicare quindi alla console grandMA2, via Ethernet, che azione intraprendere.

"C'è poi un altro link che dalla console ritorna al computer del touchscreen per far funzionare il sensore ad infrarossi Leap Motion," ha spiegato Ziggy. "Oltre a questo esiste tutto un networking verso il sistema DMX wireless di Chameleon che invia il segnale al tetto e alla terrazza dove altri impianti networking Chameleon mandano il segnale alle scatole e poi alle luci.

"Quindi è l'implementazione, tutt'altro che semplice, di ben tre network che permette il gioco di luci. Vince Haddad di Show Technology è stato straordinario nel preparare lo show e renderlo operativo e infatti sta funzionando impeccabilmente sin dall'inizio."

Aaron Marshall ha avuto un ruolo fondamentale per la progettazione e l'implementazione dell'interfaccia del touchscreen e del Controller Leap Motion utilizzando il Widget Designer.

“Ha lavorato con me, Fourth Wall, Chameleon e Vince per collegare tutto,” ha sottolineato Ziggy.
Quando ha richiesto gli Sharpy e i Mythos di Clay Paky, Ziggy si aspettava che i loro fasci fossero visibili appieno solo nelle notti piovose o nebbiose, ma è rimasto piacevolmente sorpreso nello scoprire che erano estremamente precisi in qualsiasi serata!
"Gli Sharpy e i Mythos hanno superato qualsiasi nostra aspettativa," ha dichiarato. "Sono favolosi. Dovevamo stare molto attenti a non proiettare i Mythos sui condomini circostanti, sulla Centrepoint Tower o sull'Harbour Bridge! I loro raggi sono talmente luminosi che se colpiscono l'Harbour Bridge fanno scomparire i led che vi sono installati; se arrivano fino alla Centrepoint Tower, le persone che vi stanno cenando potrebbero esserne infastidite e per il resto, ci sono talmente tanti palazzi in città che abbiamo dovuto ideare forme ed effetti da proiettare tutt'intorno ad essi. Se gli Sharpy sono piuttosto luminosi, i Mythos puntati sulle finestre di casa tua sembrerebbero gli abbaglianti accesi di un camion rimorchio! Abbiamo anche avvisato l'aeroporto."

Gli Sharpy sono stati posizionati negli Eco Domes in modo che potessero funzionare anche con tempo piovoso, mentre per i Mythos non avevamo questo lusso. Quindi ogni sera sul tetto c'erano due operatori di Chameleon con le loro imbracature pronti a mettere al riparo i Mythos qualora dovesse piovere.

"Abbiamo scelto solo cinque colori tra quelli disponibili nella gamma, semplicemente perché erano i più intensi per le proiezioni aeree" ha aggiunto Ziggy. "La nostra scelta è ricaduta su ciano, giallo, rosa pallido, bianco e lime, colori che si adattano benissimo al cielo notturno e che rendono onore al branding Vivid."

Show Technology è distributore Clay Paky per l’Australia.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it