Clay Paky grande protagonista sul Circuito dell’Estoril

Clay Paky grande protagonista sul Circuito dell’Estoril

Anno

2016

Luogo

Portogallo

Lighting designer

Giovanni Pinna

Produzione/Rental

Musical Box

Prodotti correlati

data pubblicazione: 9 Luglio 2016

Portogallo – il direttore Creativo Lucio Furlani dell’Agenzia Newtonlab, ha ideato ed elaborato l’idea creativa/le linee guida per il lancio mondiale della nuova gamma High Performance degli pneumatici Pirelli, lungo le strade del Portogallo e all’interno dello storico circuito di Estoril.
Con la direzione creativa, Newtonlab ha sviluppato tutte le soluzioni architettoniche per organizzare gli spazi interni, gli spazi destinati alla reception, agli incontri, alla convention, al relax, alla esposizione e alla presentazione spettacolare del prodotto. Un debutto in grande stile che ha richiesto grande impegno tecnico.

Al lighting designer Giovanni Pinna, Newtonlab ha affidato il compito di illuminare tanto le diverse aree circoscritte per gli ospiti e i rappresentanti della stampa internazionale, quanto di illuminare il sorprendente show in programma. I proiettori Sharpy di Clay Paky si sono comportati da veri protagonisti nell’occasione.

“Il pubblico a bordo di tre elicotteri è giunto ai piedi di un cubo nero costruito direttamente nella zona centrale dell’impianto, elegante e austero”.

Disegnato e costruito per l’occasione con una area, tra le altre, destinata ad uno spettacolo davvero sorprendente. All’interno del cubo – una tensostruttura - si è svolto il programma istituzionale della convention e dello spettacolo introdotto dalle coreografie di un corpo di ballo.

“Al termine di quattro minuti di movimenti di danza, abili ed eleganti, e di luci, veloci e controllate, con un sistema motorizzato e automatizzato si è sollevato il fondale, un enorme schermo led, che svelava il circuito e tre auto, le vere protagoniste dell’evento”: una Pagani Huayra BC, una McLaren 570S e la specialissima Lamborghini Aventador Pirelli Edition, realizzata proprio per celebrare la lunghissima collaborazione esclusiva tra Pirelli e Lamborghini.

“In pista, le tre auto sportive si sono esibite in una danza a base di drift, accelerazioni elettrizzanti, sgommate e musica ritmata. E un muro di luci, 50 proiettori Sharpy, strobo ed altri effetti luminosi”.

Potenti e spettacolari, anche in esterna, gli Sharpy hanno lavorato 10 giorni con i piloti: “briefing, test e prove. Fino a trovare il giusto equilibrio. Guidare con una marea di luci che li accecavano non era facile”.

Mentre all'interno gli spazi erano illuminati in modo elegante ed essenziale, all’esterno il punto principale del progetto luci era dunque quello di realizzare due minuti grandiosi con grande potenza di fuoco, colori saturi e intensi. 

“Abbiamo coperto un campo visivo di 100/110 gradi. Dovunque il pubblico fosse seduto in teatro non vedeva la fine dei fari davanti a sé, a 50 metri dal teatro. Un tratto di Circuito molto molto lungo, coperto capillarmente da proiettori Sharpy ed altri effetti”.

“Per la prima volta ho usato tanti Sharpy in fila con un passo coì breve (1,25 m tra un proiettore e l’altro): 50 Sharpy su 70 metri lineari, tutti a terra, una geometria di fasci davvero impressionante”.

Service dello show è stato MUSICAL BOX di Verona.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it