Clay Paky illumina il festival Rock the Lahn

Clay Paky illumina il festival Rock the Lahn

Anno

2015

Luogo

Trentino-Alto Adige

Copyright delle fotografie

Dry Hire

Lighting designer

Norbert Hofer

Produzione/Rental

Rental: Dry Hire - Production: Alpha Concept

Prodotti correlati

data pubblicazione: 10 Novembre 2015

Merano - Quest’anno Rock The Lahn Festival ha celebrato dieci anni di attività musicali. Star dell’edizione 2015 il gruppo, guidato dall’estroverso Fred Durst, dei Limp Bizkit paladini del movimento nu metal e rapcore, insieme ai Broilers gruppo musicale punk rock della scena tedesca.

In pochi anni il Festival è diventato un evento irrinunciabile per questa regione. L’obiettivo degli organizzatori, pienamente raggiunto nelle recenti edizioni, è di richiamare centinaia, migliaia di giovani visitatori festaioli intorno all’evento estivo, offrendo musica alternativa, divertimento e uno spazio di riflessione su alcune questioni sociali come la convivenza tra gruppi linguistici diversi, le migrazioni, l’antifascismo.

Il titolare di Alpha Concept, l’azienda che ha curato ogni aspetto della produzione tecnica dell’evento, è Norbert Hofer. E’ a lui che ci rivolgiamo per chiedere a quale materiale illuminotecnico si è affidato per illuminare i concerti dei gruppi in programma:

“Sono il titolare dell’azienda e il responsabile tecnico della manifestazione. Per noi, ospitare gruppi musicali come i Limp Bizkit è una grande sfida: le schede tecniche audio luci non sono solo impegnative, ma anche quantitativamente molto ricche, mentre le dimensioni del palco sono piuttosto contenute. Occorre proporre e disporre di soluzioni alternative a quelle dei progetti e delle schede tecniche originali, che tengano conto delle esigenze specifiche dei gruppi musicali e delle strutture del palco a disposizione, senza rinunciare a proposte di alto profilo.

In particolare, per i proiettori dinamici Spot e Beam inseriti nella pianta luci, abbiamo richiesto al nostro servizio interno di noleggio Dry Hire, prodotti Clay Paky."

Quali prodotti Clay Paky hai pensato di usare per risolvere le questioni del progetto luci?
“Tra le varie ipotesi per risolvere le questioni del progetto, rispettare le ragioni e le scelte delle piante luci e i vincoli della struttura, abbiamo pensato di trarre vantaggio da proiettori meno ingombranti e meno pesanti rispetto a classici proiettori 1200 o 1500 a scarica, ma capaci di restituire pari o superiore resa luminosa, nonostante assorbimenti decisamente inferiori. Abbiamo scelto di usare i Mythos e gli Sharpy della Clay Paky. Gli Sharpy sono da anni nostri prodotti di riferimento, affidabili e capaci di disegnare trame spettacolari.

Invece, è il primo anno che utilizziamo i Mythos al Rock the Lahn Festival. Oltre ad avere un design del tutto innovativo, sono proiettori potenti, affidabili e versatili: funzionano in modalità diverse senza compromessi. Sono Spot fenomenali con una ampia gamma di effetti visivi, uno zoom ottimizzato per la messa a fuoco, docile, veloce e silenzioso, controllato elettronicamente, ma anche Beam con un gruppo ottico evoluto e luminosissimo."

Si può dire che i Mythos hanno risposto alle tue aspettative e hanno conquistato te e il pubblico del Festival?
“Alla struttura di americane sospese sul palco abbiamo appeso, a gruppi di due, 24 Sharpy e 24 Mythos. Una grande potenza luminosa domata in fase di programmazione ed esplosa durante le sezioni live di Rock the Lahn! I Mythos sono ideali per illuminare contest musicali ed eventi aperti al grande pubblico. Sono stati un ottimo investimento. E hanno risolto tutte quelle problematiche che ci siamo imposti di risolvere.

E’ per questo che da anni investiamo sul prodotto Clay Paky e nel nostro magazzino abbiamo quantità disponibili superiori rispetto a quelle che in questa occasione abbiamo deciso e potevamo utilizzare. In particolare abbiamo fino a 300 Sharpy che usiamo spesso come Beam. Per quanto riguarda i Mythos, dopo un primo ordine di 50 unità, prevediamo di allargare presto il parco macchine."

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it