Clay Paky illumina il Junior Eurovision Song Contest 2013

Clay Paky illumina il Junior Eurovision Song Contest 2013

Anno

2013

Luogo

Ucraina

Copyright delle fotografie

M & M Production Mgmt

Lighting designer

Jerry Appelt

Produzione/Rental

Euromedia

Prodotti correlati

data pubblicazione: 3 Dicembre 2013

UKRAINE - Il lighting designer Jerry Appelt ha impiegato più di 140 proiettori Clay Paky per ottenere gli effetti illuminotecnici sbalorditivi che formavano l'ossatura del Junior Eurovision Song Contest 2013, tenutosi a Kiev, Ucraina.

Il Junior Eurovision Song Contest (JESC) è un concorso canoro internazionale organizzato a partire dal 2003 dalla European Broadcasting Union (EBU). La competizione ha molte analogie con il popolarissimo Eurovision Song Contest da cui trae il proprio nome. Ogni emittente partecipante ha diritto a portare un cantante o un gruppo di cantanti, la cui età deve essere compresa fra i 10 e i 15 anni, che presentano una canzone originale in concorso con gli altri iscritti. Gli spettatori delle nazioni partecipanti vengono invitati a votare le loro esibizioni preferite tramite il televoto, il cui esito va a sommarsi a quello espresso dalle varie giurie nazionali, con un peso equamente ripartito al 50% fra spettatori e giuria. L'esibizione che riceve il punteggio maggiore viene dichiarata vincitrice.

Lo show, che si svolge alla presenza del pubblico in sala, viene trasmesso in tivù e in streaming su Internet. L'edizione 2013 che si è svolta presso il National Palace of Arts o Palace Ukraina di Kiev, ha visto la partecipazione di 12 paesi.

I proiettori Clay Paky hanno fatto la parte del leone per quanto riguarda l'illuminazione del palco in occasione dello show. Il lighting designer Jerry Appelt ha creato un rig per il palco potente, ma al contempo brioso che riflettesse lo slogan della manifestazione: “Be Creative!”. 64 Sharpy Beam di Clay Paky sono stati disposti su quattro file da 16 elementi ciascuna dietro a un ledwall semitrasparente che faceva da fondale, creando degli incredibili effetti visivi. Come luci laterali per il palco sono stati invece utilizzati 24 Sharpy Wash.

“Cosa posso dire?”
ha affermato Appelt. “Se hai bisogno di fendere l'aria con delle luci sottili e concentrate, lo Sharpy Beam è il prodotto che fa per te! Gli Sharpy Wash sui lati invece erano perfetti perché da una parte sono leggeri e hanno un'emissione luminosa abbastanza potente da generare una buona luce laterale ma, commutando a un fascio stretto, ti consentono anche di impiegarli per creare un effetto tipo Sharpy Beam, per cui ti ritrovi ad avere due opzioni con un solo proiettore.”

44 AlphaSpot QWO 800 ST
sono stati impiegati come keylight e 8 AlphaBeam 300 sono stati montati nel rig. In generale il potenziale dei QWO 800 utilizzati come luce principale è fenomenale perché sono potenti come un proiettore da 1200-1500 Watt, che però richiederebbe un set di componenti completamente diverso. E sono perfetti in termini di luminosità e nitidezza, tanto che la precisione e tutte le altre funzioni si sono rivelate molto belle. È un dato di fatto: usare i QWO 800 è stata un'ottima decisione.”

Il Junior Eurovision Song Contest è stato prodotto da Euromedia, che ha anche fornito tutta l'attrezzatura, ed è stato trasmesso dalla TV ucraina NTU, che si è avvalsa di un team di produzione centrale guidato dall'Executive Producer Roman Keryk. Il supervisore tecnico era Ola Melzig, il direttore tecnico Arnis Grinsbergs, mentre a Jerry Appelt era affidato il lighting design. Responsabile dello stage design era invece Ilias Ledakis.

Melzig si è così espresso: “Se la preferenza dei lighting designer va a Clay Paky, il motivo c'è. La gamma dei loro prodotti offre di tutto, è in continua crescita per mantenersi innovativa, gli apparecchi forniscono un'emissione luminosa fantastica,  presentano ottiche meravigliose, sono leggeri e, last but not least, sono affidabili. In poche parole, non mancano mai di impressionare favorevolmente.”

Alla fine, è stata Malta a portare a casa il trofeo grazie alla performance di Gaia Cauchi, che ha interpretato il brano “The Start”. Casualmente, Malta ha sbaragliato la concorrenza anche per assicurarsi la possibilità di ospitare la prossima edizione della manifestazione, quindi lo show nel 2014 avrà luogo a Malta. Dato che il Junior Eurovision Song Contest si evolve tecnicamente ogni anno, è assai verosimile che sul palco su cui si esibiranno i giovani cantanti in occasione dell'appuntamento maltese sarà presente anche Clay Paky.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it