Clay Paky illumina il Junior Eurovision Song Contest 2014

Clay Paky illumina il Junior Eurovision Song Contest 2014

Anno

2014

Luogo

Malta

Copyright delle fotografie

M & M Production Mgmt

Lighting designer

Nick Malbon (Lighting Director) & John McCullagh (Creative Director)

Produzione/Rental

Agorà / Nexos

Prodotti correlati

data pubblicazione: 23 Dicembre 2014

MALTA - Più di 200 proiettori Clay Paky, compresi i popolari A.leda e Super Sharpy, hanno assicurato degli emozionanti effetti luce al Junior Eurovision Song Contest 2014 che si è tenuto di recente a Malta. La definizione del setup è stata curata dal lighting designer Nick Malbon e dal direttore creativo John McCullagh con risultati veramente stupefacenti.

Junior Eurovision Song Contest (JESC) è un concorso canoro internazionale organizzato a partire dal 2003 dalla European Broadcasting Union (EBU). La competizione ha molte analogie con il popolarissimo Eurovision Song Contest da cui trae il proprio nome. Ogni emittente partecipante ha diritto a portare un cantante o un gruppo di cantanti, la cui età deve essere compresa fra i 10 e i 15 anni, che presentano una canzone originale in concorso con gli altri iscritti. Gli spettatori delle nazioni partecipanti vengono invitati a votare le loro esibizioni preferite tramite il televoto, il cui esito va a sommarsi a quello espresso dalle varie giurie nazionali, con un peso equamente ripartito al 50% fra spettatori e giuria. L'esibizione che riceve il punteggio maggiore viene dichiarata vincitrice.

Lo show, che si svolge alla presenza del pubblico in sala, viene trasmesso in diretta tv e in streaming su Internet. L'edizione 2014, che si è svolta il 15 novembre presso i Malta Shipbuilding, l'ex cantiere navale di Marsa trasformato in impianto polifunzionale, ha visto la partecipazione di 16 paesi, un nuovo record per la manifestazione. Il concorso ha anche introdotto la votazione online con una previsione di circa 8.000 voti - il doppio rispetto al 2013. Ebbene, nella conferenza stampa successiva alla diretta dell'evento, è stato annunciato che nei primi tre secondi dopo l'apertura del voto ben 37.000 spettatori si erano collegati online per esprimere la loro preferenza con l’hashtag“#together”, lo slogan di questa edizione.

I proiettori Clay Paky hanno fatto la parte del leone per quanto riguarda l'illuminazione del palco in occasione dello show. Il lighting designer Nick Malbon non ha lesinato in quanto a proiettori, per sottolineare al meglio le esibizioni dei giovani cantanti. 24 A.leda Wash K20 di Clay Paky sono stati collocati a terra e sul retro del palco, mentre 24 Alpha Beam 700, 50 Alpha Profile 1500 e 24 Alpha Wash 1200, sempre di Clay Paky, sono andati a occupare il soffitto, riempiendolo. Ma non sono certo passati inosservati nemmeno i 68 Sharpy e i 24 Super Sharpy di Clay Paky, che hanno saputo dare un forte impatto allo show grazie ai loro impagabili effetti visivi.

“Mi sono proprio divertito a lavorare con i proiettori Clay Paky” ha affermato Malbon. “L'A.leda è davvero molto luminoso e piuttosto flessibile, mentre Sharpy e Super Sharpy ti danno incredibili fasci concentrati e allineati. Senza considerare che il pacchetto nel suo insieme ha funzionato alla grande in termini di resa cromatica.”

Il direttore creativo John McCullagh non ha potuto che dichiararsi d'accordo, aggiungendo che “lo Sharpy resta sempre un fantastico proiettore e che il Super Sharpy è perfino qualcosa in più. Gli Alpha Beam e gli Alpha Spot hanno completato egregiamente il quadro generale e l'A.leda ha fatto un figurone sul palco.”

L'italiana Agorà ha messo a disposizione tutta l'attrezzatura luci in collaborazione con Nexos, di Malta. Nicola Manuel Tallino, responsabile luci di Agorà, si è così espresso: “I proiettori Clay Paky sono sempre fra i miei preferiti, e per una valida ragione: sono luminosi, affidabili e la gamma è talmente ampia che tutti quanti interagiscono alla perfezione per fornire gli effetti migliori.”

L'emittente locale Public Broadcasting Services Limited (PBS) ha curato il Junior Eurovision 2014 attraverso l'executive supervisor Vladislav “Vlad” Yakovlev. Il set designer era Claudio Santucci di Gio Forma, il direttore creativo John McCullagh, il lighting design è stato creato da Nick Malbon, mentre Ola Melzig era il Viewing Room Producer.

“La gamma dei prodotti offerti da Clay Paky presenta sempre soluzioni innovative per ogni situazione, che sono cruciali per uno spettacolo come questo” ha affermato Melzig. “Ho avuto modo di apprezzare appieno la varietà di proiettori che abbiamo impiegato quest'anno nel corso dello Junior Eurovision e resto sempre in trepida attesa di poter mettere le mani sul nuovo prodotto che sforneranno.”

Parallelamente al successo del produttore italiano Clay Paky, dopo il voto online e il televoto da parte delle sedici nazioni partecipanti e della giuria internazionale dei bambini, è stato proclamato vincitore proprio un italiano, Vincenzo Cantiello, con la canzone "Tu Primo Grande Amore”. Il cantante quattordicenne che ha reso orgoglioso Sant'Arpino, suo paese di provenienza, si è affermato con un totale di 159 punti.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it