Clay Paky illumina il primo appuntamento di “Premier Boxing Champions”

Clay Paky illumina il primo appuntamento di “Premier Boxing Champions”

Anno

2015

Luogo

Stati Uniti

Lighting designer

John Featherstone, Chris Medvitz & Warwick Burton

Produzione/Rental

Upstaging

Prodotti correlati

data pubblicazione: 1 Agosto 2015

STATI UNITI – La grande boxe professionistica è tornata in prime time con il debutto di “Premier Boxing Champions” su NBC Sports.  Gli Sharpy di Clay Paky hanno picchiato duro in occasione degli incontri di cartello curati dall'executive producer Michael Marto di Executive Visions Inc. (EVI) per Haymon Boxing.

L'esordio di “Premier Boxing Champions” ha segnato il ritorno in prima serata TV di una grande trasmissione pugilistica dal lontano 1985.  NBC Sports ha promesso cinque appuntamenti in prime time per incontri di alto livello.  Il primo dei cinque, svoltosi nel prestigioso contesto dell'MGM Grand di Las Vegas, ha visto Keith Thurman vincere con verdetto unanime l'incontro della categoria dei pesi welter che lo opponeva a Robert Guerrero, mentre nei pesi superleggeri Adrien Broner ha avuto la meglio su John Molina. 

“L'intento è quello di far uscire la boxe dagli angoli bui e metterla al centro della psiche americana” afferma John Featherstone di Lightswitch Inc., Chicago, che ha operato come lighting designer insieme a Chris Medvitz e Warwick Burton.  “Partendo da questo principio, abbiamo affrontato queste serie di incontri in modo del tutto nuovo, come fossero dei concerti di una tournée trasmessi in tivù nei quali si respira la classica sensazione del grande show.  Considerate le premesse, c'era una sola scelta logica: Clay Paky.”

Come afferma Featherstone, “volevamo dare un senso di grande eccitazione e imagery dinamica, con belle riprese patinate, e lo Sharpy è stata la soluzione naturale.  Non userei nient'altro. È leggero, ha un grandioso fascio superconcentrato, è incredibilmente affidabile e ruota a meraviglia.  Insomma, lo Sharpy ha un curriculum consolidato.”

Featherstone ha posizionato 75 Sharpy sull'intero rig che contava più di 300 proiettori.  “Il rig formava un grande cerchio che costituiva la nostra posizione luci chiave primaria, che cambiava per i vari combattimenti” spiega il lighting designer.  “La maggioranza degli Sharpy era posta attorno a quel cerchio, mentre alcuni erano disseminati attorno all'arena e altri sul palco principale.”

Featherstone afferma che gli Sharpy hanno funzionato “ovviamente in modo impeccabile e il supporto di  A.C.T è stato incredibile o, meglio ancora, senza eguali.  Inutile dire che uno dei motivi per cui ci rivolgiamo a Clay è il livello di assistenza e supporto assicuratoci da A.C.T.  L'apparecchiatura è già di per sé fantastica, e con il sostegno di A.C.T diventa addirittura eccezionale.”

Upstaging ha fornito il lighting gear; Prelite Inc. si è occupata delle previsualizzazioni.  Mike Robertson ha svolto il ruolo di lighting programmer con David Zuckerman come elettricista di produzione. Ken Burns, Jr., Devon Zuckerman, Brian Kasten e Josh Wagner componevano il lighting crew. Mario Educate, di OSA International, era il direttore tecnico; Bruce Rogers, di Tribe Inc., ha curato il production design.

Francesco Romagnoli, Area Manager di Clay Paky per Nord e Sud America, si è così espresso: “È sempre elettrizzante vedere i nostri proiettori in tivù.  Mister Featherstone è un grande designer e questa serie TV non fa che confermarlo.”

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it