Clay Paky illumina l’Amsterdam Music Festival

Clay Paky illumina l’Amsterdam Music Festival

Anno

2015

Luogo

Paesi Bassi

Copyright delle fotografie

ALDA Events

Lighting designer

André Beekmans

Produzione/Rental

Ampco Flashlight

Prodotti correlati

data pubblicazione: 30 Dicembre 2015

Amsterdam, Paesi Bassi – Un incredibile rig di oltre 300 proiettori Clay Paky, inclusi 93 strobo Stormy CC, ha dato vita a un’eccezionale atmosfera di totale coinvolgimento all’Amsterdam Music Festival (AMF), che si è tenuto il 16 e 17 ottobre scorsi.

Il lighting designer André Beekmans dello studio “The Art of Light” di Eindhoven ha concepito la straordinaria illuminazione per i due giorni dell’evento, ospitato nell’immensa Amsterdam Arena. Qui, davanti a migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo, si sono esibiti i maggiori protagonisti dell’attuale scena EDM (Electronic Dance Music), compresi Armin van Buuren e David Guetta.

Ampco Flashlight ha fornito il set di proiettori Clay Paky, costituito da 108 Sharpy, 15 Mythos, 96 Sharpy Wash 330 e 93 Stormy CC.

“È stato per noi un onore usare Stormy CC su una scala così ampia” ha affermato Beekmans. “Li abbiamo utilizzati per offrire vibranti effetti strobo in una vastissima gamma di colori. Sono rimasto davvero colpito dalla loro luminosità e sono contento che finalmente sia disponibile sul mercato uno strobo LED di alto livello con output RGBW”.

La striscia di potenti LED RGBW di Stormy CC emula alla perfezione una luminosa lampada Xenon, ma può produrre flash di qualsiasi colore, bypassando la necessità di ricorrere a filtri in gelatina che riducono drasticamente la quantità di luce emessa.

“Avevamo diversi fattori da prendere in considerazione per la realizzazione del lighting design per l’AMF” ha ricordato Beekmans. “Volevamo creare un’atmosfera intima, da club, che celasse le grandi dimensioni dello stadio e che funzionasse anche per le riprese e lo streaming dal vivo”.

Beekmans e il suo team hanno così deciso di “immergere il pubblico nella luce”, installando i fari Clay Paky tutt’intorno alla zona dedicata al ballo. Con questa soluzione, i posti a sedere rimanevano nascosti e ogni singola ripresa delle telecamere era “satura di giochi di luce dinamici”.

“Per creare i fasci di luce sul dancefloor abbiamo utilizzato gli Sharpy “ha concluso Beekmans, “mentre in ogni angolo dello stadio abbiamo piazzato gli Sharpy Wash 330. Questi ultimi erano perfetti grazie alla loro dimensione ridotta e alla loro fantastica luminosità. Abbiamo infine usato Mythos per creare un effetto speciale dietro il palco, con risultati grandiosi e audaci; i Mythos sono davvero eccellenti per una produzione su così vasta scala”.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it