Clay Paky illumina la Rock and Roll Hall of Fame a Los Angeles

Clay Paky illumina la Rock and Roll Hall of Fame a Los Angeles

Anno

2013

Luogo

Stati Uniti

Lighting designer

Allen Branton

Produzione/Rental

Atomic Lighting

Prodotti correlati

data pubblicazione: 18 Giugno 2013

LOS ANGELES – Un gran numero di luci Clay Paky è stato impiegato per l’illuminazione della Cerimonia di Inaugurazione della Rock and Roll Hall of Fame 2013, in cui sono stati celebrati gli Aerosmith, The Doors, James Taylor, Albert King, Donna Summer, Rush e Quincy Jones durante una serata di gala al Teatro Nokia di Los Angeles.

Sul palco della cerimonia, ricca di celebrità e registrata per essere trasmessa su HBO, sono stati installati 40 Sharpy Wash, 28 Sharpy e 7 Alpha Profile 700 gestiti da due grandMA2 lights e una grandMA2 full system, il tutto fornito da Atomic Lighting di Lititz in Pennsylvania.

"Abitualmente la Rock and Roll Hall of Fame si concentra su sei o sette esibizioni. L’atmosfera era vibrante ma non eccessivamente movimentata,"
afferma Kevin Lawson, che ha programmato l'illuminazione con Feliz Peralta.  Lawson ha gestito le luci chiave e le luci del pubblico per il lighting designer Allen Branton, mentre Peralta ha programmato gli impianti di illuminazione scenica, gli effetti illuminotecnici e l'illuminazione delle band.

“In passato la cerimonia si svolgeva in una sala da ballo, poi, in occasione del suo 25° anniversario si è spostata a Madison Square Garden,”
ricorda Lawson.  "L'idea era di accogliere un maggior numero di persone in una location più grande, ma mantenere comunque un'atmosfera intima.  Si cerca quindi di creare un equilibrio tra un party musicale intimistico e uno show rock spettacolare - sono state tolte persino le prime file del teatro in modo che potessero starci anche i tavoli per gli invitati d’onore e i VIP."

Gli Sharpy Wash sono stati principalmente usati per illuminare tutti i tendaggi del palco, ma Peralta ha "trovato altri 'bersagli' puntandoli sul pubblico e trasformandoli in molto di più di un semplice accento musicale," spiega.  Gli Sharpy sono stati sparsi per tutto il rig e "hanno lavorato a doppio servizio" sia come luci di effetti che come luci "effetto Sharpy" sui drappeggi.  Gli Alpha Profile 700 sono stati disposti come luci chiave e luci posteriori al palco per molti dei musicisti di supporto.

Peralta dice che gli Sharpy Wash sono stati scelti per "la brillantezza della loro lampada, per le funzioni di miscelazione del colore e per la loro discrezione una volta posizionati sul rig." La luminosità e l'impatto sono stati fattori determinanti per la scelta degli Sharpy, come pure "la loro comprovata esperienza, la loro velocità e la varietà delle loro funzioni." Gli Alpha Profile 700 sono stati selezionati per la loro luminosità, la loro struttura compatta e resistente e la loro eccezionale capacità di produrre forme.

Francesco Romagnoli,
Area Manager di Clay Paky per l’America Settentrionale e Latina, aggiunge: “E' veramente gratificante vedere tante delle nostre luci lavorare tutte insieme a questo progetto così importante.  Allen, Felix e Kevin sono un grande team e noi siamo orgogliosi di collaborare con loro.”

"Tutto ha funzionato alla grande, i proiettori erano resistenti e non c'è stata alcuna defaillance,”
ha detto Peralta. "Siamo rimasti decisamente soddisfatti con i nuovi Sharpy Wash - stanno dando del filo da torcere alle luci wash di dimensioni maggiori!"

Lawson fa i complimenti a A.C.T. Lighting, distributore Clay Paky in Nord America, per la sua "eccezionale assistenza"; Peralta ringrazia Brad Hafer e il team di Atomic Lighting per "fornire sempre impianti robusti e resistenti pronti per l'uso." Cita anche Tad Inferrera, Kevin Harvey e lo staff del Teatro Nokia per l'aiuto e il supporto durante tutta la produzione.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it