Clay Paky nel musical “The Bodyguard”

Anno

2013

Luogo

Regno Unito

Lighting designer

Mark Henderson

Produzione/Rental

White Light

Prodotti correlati

data pubblicazione: 11 Marzo 2013

UK – Il lighting designer Mark Henderson, già vincitore di Olivier Award e Tony Award, ha scelto di impiegare gli Sharpy di Clay Paky per realizzare la sua emozionante illuminazione per The Bodyguard, il nuovo musical in scena all'Adelphi Theatre sulla Strand di Londra.

Basata sull'omonimo film reso famoso dall'attrice e diva del pop Witney Houston, la versione teatrale avrà per protagonista Heather Headley, che ha raccolto entusiastiche recensioni per l'interpretazione sul palcoscenico della superstar Rachel Marron.

Lo spettacolo teatrale alterna scene dai dialoghi brillanti a spettacolari momenti cantati e allo sfarzo dei lustrini tipico delle cerimonie di premiazione dell'industria cinematografica. Di conseguenza, Henderson ha ideato un rig ibrido adatto sia a un teatro quanto a un concerto live in uno spazio veramente limitato.

Le strutture sospese sono la vera ispirazione del set di Tim Hatley, che comprende una serie di elementi scorrevoli che si aprono e si chiudono su tutti i piani. Questi elementi sono usati per creare aperture di varie dimensioni in cui si svolge ciascuna scena. La scelta del proiettore da parte di Henderson è stata quindi dettata dalla natura del design scenico e dallo spazio fisico a disposizione.

Per le canzoni dal vivo Henderson ha scelto che tutto o parte del rig fosse visibile al pubblico. “Ci tenevo molto che il rig fosse in grado di trasmettere la sensazione visiva e d'insieme di un concerto vero e proprio" spiega Henderson. “Ho usato il fascio concentrato e onnipresente degli Sharpy di Clay Paky per bucare i fumi e la nebbia e per realizzare un effetto che fosse sinonimo di musica popolare così come è intesa oggi. Gli Sharpy mi hanno permesso anche di creare dei fantastici effetti a mezz'aria che hanno aggiunto un tocco distintivo, colorato e vivace alle scene cantate.”

L'illuminazione da concerto deve apparire e scomparire dalla vista per tutta la durata dello spettacolo, quindi le luci non potevano essere troppo ingombranti. L'elettricista responsabile della produzione Fraser Hall e il production manager Matt Towell hanno creato nel downstage un'area con delle mini-griglie che consentono di ruotare i piani del proscenio, che sostengono una serie verticale di Sharpy su ciascun lato. In effetti questo permette di fissare gli Sharpy sui lati del rig in modo permanente. Il vice lighting manager dello spettacolo, Germaine Williams, dice di essere rimasto impressionato dagli Sharpy, che si sono rivelati estremamente affidabili e che hanno richiesto pochissima manutenzione.

White Light
ha fornito l'attrezzatura illuminotecnica per lo spettacolo e Dave Isherwood, hire director dell’azienda, ha così commentato: È come sempre un grande piacere lavorare con Mark Henderson. Il suo consueto talento nello scegliere gli strumenti di lavoro che si adattano perfettamente alle esigenze di ogni singolo show di cui cura l'illuminazione non è stato certamente da meno per quanto riguarda The Bodyguard. È dunque stato un onore per noi essere in grado di mettere a sua disposizione la tecnologia più innovativa, compresi i compatti ma potenti Sharpy di Clay Paky.”

“L'illuminazione di Mark Henderson”
conclude Glyn O'Donoghue, amministratore delegato di Ambersphere, distributore Clay Paky per il Regno Unito, “sottolinea con grande efficacia i cambiamenti di tempo, spazio, umore e atmosfera della storia, ma offre anche in modo continuo un'illuminazione sensazionale della rappresentazione come se fosse un concerto. Considerato lo spazio limitato in cui sospendere l'apparecchiatura che viene normalmente utilizzata per i concerti dal vivo, la scelta non poteva cadere che sullo Sharpy di Clay Paky. Non solo è relativamente leggero, con i suoi 19 kg, ma la sua struttura robusta e di modesto ingombro lo rende ideale per l'impiego in uno show che va in scena con ben otto repliche ogni settimana.”

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it