Clay Paky ospite fisso al Festival culturale Souq Okaze

Clay Paky ospite fisso al Festival culturale Souq Okaze

Anno

2015

Luogo

Arabia Saudita

Lighting designer

Emiliano Morgia

Prodotti correlati

data pubblicazione: 29 Giugno 2015

Arabia Saudita - In occasione del Festival culturale Souq Okaze, il Produttore e Regista Mr. Futais Mohammed Bugnah ha diretto la rappresentazione di un nuovo spettacolo all’interno del Teatro Tenda di Ta’if, alla presenza di Sua Altezza il Principe Mishaal bin Majed Al Saud, governatore della provincia di Jeddah.

Mr. Futais Mohammed Bugnah, attraverso la storia del poeta guerriero Amroo-bin- Kulsoom, noto ai suoi tempi - oltre 3000 anni fa e ben prima dell’Islam – racconta della condotta autoritaria tenuta ai danni della madre del poeta e della vendetta adoperata dallo stesso ai danni del Re.

Il lighting designer italiano Emiliano Morgia, come ci racconta lui stesso, è stato nuovamente coinvolto nella stesura del piano luci per il progetto della casa di produzione saudita Rhythm Media Production di Riyadh che con la collaborazione di Giochi di Luce Dubai ha allestito un palcoscenico di oltre 50 metri di ampiezza ed una regia video per la proiezione delle originali e spettacolari ambientazioni scenografiche alte 11 metri. “Coinvolgere Giochi di luce Dubai in questa produzione video è stata una idea vincente. Opera in tutta la penisola araba con un largo numero di proiettori luci Clay Paky come i Mythos e i B-Eye, gli  Sharpy e tutta la seria Alpha 700, 1500, Beam, Wash, Profile”.

Ed è sempre un piacere collaborare con il mio amico Futais!” Morgia ha già lavorato diverse volte nel Teatro tenda di Ta’if e conosce bene i vincoli di cui tenere conto per sviluppare i suoi progetti. A causa degli spazi, per illuminare ad arte la scena si è obbligati a disporre corpi luce leggeri e performanti in posizioni eccentriche, oppure a distribuirli su strutture aggiunte: 24 Alpha 1500 Profile di Clay Paky - scelti per la loro potenza, luminosità e precisione, dotati dell’esclusivo sistema profilatore, capace di generare innumerevoli forme in molteplici dimensioni - sono stati inclusi nel disegno luci e sono stati disposti lungo un traliccio lineare di 50 metri per illuminare palcoscenico ed attori. Mentre 24 Alpha Spot HPE 700 sono stati determinanti per creare atmosfere vibranti e nuance di gobos sulla scenografia. Una batteria di 24 Sharpy, con la loro ottica caratteristica, poco ingombranti e maneggevoli, hanno risolto tutti gli effetti di controluce necessari. 

Lo spettacolo è stato pre-programmato con Wysiwyg presso la Wysisuite del Lighting Designer .

”Sono pienamente soddisfatto del lavoro svolto con le luci e persino con la scenografia nata da una mia personale idea, successivamente sviluppata dallo scenografo. Questo, grazie alla fiducia che il regista Futais accorda alle mie proposte nella mia veste di Production Designer.

Qui a
Riyadh, dove mi occupo di cercare e applicare soluzioni tecnologiche alternative, avevo bisogno di proiettare le immagini su una forma non convenzionale, più accattivante come l’arco, e sulla quale alla fine ho lavorato con il pensiero rivolto alla maestria del compianto Mark Fisher.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it