Claypaky: atmosphere vibranti per i Nothing but Thieves!

Claypaky: atmosphere vibranti per i Nothing but Thieves!

Anno

2017

Luogo

Regno Unito

Copyright delle fotografie

The Fifth Estate ltd

Lighting designer

Steven Bewley

Produzione/Rental

Nitelites

Prodotti correlati

data pubblicazione: 28 Gennaio 2017

Regno Unito - Il noto scenografo e lighting designer Steven Bewley ha scelto i pluripremiati Claypaky Mythos e Sharpy per creare un'ambientazione unica per i Nothing but Thieves, band inglese di rock alternativo in grande ascesa, il cui tour a supporto dell’album di debutto è terminato con un sensazionale concerto alla 02 Academy Brixton, uno dei locali più famosi di Londra.

Bewley, che recentemente ha curato le scenografie per il rapper Wretch 32 ricevendo ampi riconoscimenti sui social media, ha utilizzato 32 Mythos e 10 Sharpy, tutti forniti da Nitelites, un'azienda specializzata nella fornitura di impianti audio e illuminazione.

“Sono sempre più numerose le band che richiedono show luci che abbiano la massima resa video, in modo di massimizzare l’impatto anche dei video amatoriali, quando questi sono trasmessi attraverso i social media”, ha spiegato Bewley. “Avevo questo obiettivo in testa quando ho preso le redini del lighting design luci per i Nothing But Thieves. Ho programmato lo show nel mio studio e ho inviato via web alcuni esempi di video che mostravano il risultato. Per fortuna ho trovato subito la soluzione giusta e abbiamo completato il lavoro realizzando uno spettacolo molto pulito, molto atmosferico, ma allo stesso tempo molto rock.”

Il progetto di Bewley ha fornito alla band contenuti visuali ricchi e intensi; molti fan hanno condiviso riprese e fotografie degli elementi scenografici del tour sulle piattaforme social, inclusi gli effetti stupefacenti creati dai proiettori Mythos e Sharpy.

“Gran parte dei Mythos sono stati ancorati alla copertura della struttura”, ha svelato Bewley. “Dal momento che Mythos è un proiettore ibrido - che funziona in modalità wash, spot e beam - ho potuto realizzare gli effetti che volevo: puliti ma al tempo stesso molto rock”.


Per creare la sofisticata gamma di colori dello show - composta da azzurro pallido, verde pastello, bianco opaco e rosso scuro - Bewley ha utilizzato il sofisticato sistema colore del proiettore Mythos con 2 filtri CTO (3200 K e 2500 K)  e 1 filtro CTB.

“La combinazione di colori del Mythos è perfetta per questo tipo di show” afferma Bewley. “Abbiamo scelto molti ‘fuori fase’: quando il rosso scuro attraversa il palco in sincrono con i cambiamenti di ritmo, l'impatto è notevole. Ho adoperato anche il disco di effetti grafici per creare potenti effetti aerei verticali, con una vasta campitura che andava dalla copertura della sala giù fino al palco."

Con uno sfondo pulito, Bewley ha voluto creare una scenografia essenziale.  Il designer ha sistemato i proiettori sulla base di angoli definiti, a volte asimmetrici, per creare sul palco un senso di forte unità architettonica, che rimaneva tale anche quando non era illuminato.

“Ho progettato una serie di podi sollevati che formano una sorta di scalinata che sale verso la parte posteriore del palco”, ha spiegato Bewley. “E su ogni podio ho installato un proiettore Sharpy di Claypaky. Volevo creare una notevole profondità di campo, combinando l’architettura fisica dei podi con l'architettura luminosa del fascio beam dei proiettori Sharpy."

Anche se Sharpy è un proiettore compatto, è estremamente potente ed è noto per il suo fascio mobile da 189 W perfettamente parallelo, che a 20 metri produce 59,760 lux: una brillantezza che generalmente si può ottenere solo utilizzando proiettori molto più grandi, con una potenza nettamente superiore.

“Non volevo creare fasci di luce che attraversassero la folla come nei tradizionali rock show”, ha concluso Bewley. “Ho preferito utilizzare il fascio stretto dei proiettori Sharpy per illuminare la band sul palco da sinistra a destra e viceversa. In questo modo sono riuscito a creare atmosfere veramente particolari in cui la band si esibiva tra fasci verticali. anziché essere illuminata frontalmente come negli show tradizionali, conferendo a tutta la scenografia una sorta di marchio distintivo.”

I Nothing but Thieves si sono formati a Southend-on-Sea nell'Essex (Regno Unito) nel 2012 e da allora la loro fama è cresciuta rapidamente. I cinque componenti della band hanno completato il loro album di debutto omonimo e stanno ora lavorando al loro secondo album.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it