Claypaky e la Venezia degli Emirati Arabi Uniti

Claypaky e la Venezia degli Emirati Arabi Uniti

Anno

2017

Luogo

Dubai

Produzione/Rental

Protec

Prodotti correlati

Collegamenti esterni

data pubblicazione: 21 Gennaio 2017

DUBAI - Puntate un potente telescopio sul pianeta Marte e vedrete i cosiddetti "canali", cari agli scrittori di fantascienza. Girate il telescopio per guardare la Terra da Marte e vedrete un nuovo canale visibile al centro di Dubai, ma non è fantascienza. Il nuovo Canale di Dubai, un'elegante nastro d’acqua che attraversa la città, è stato aperto con una cerimonia spettacolare ospitata da Sua Altezza lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai. Per fornire il meglio in fatto di musiche, spettacolo e divertimento, l'agenzia pubblicitaria e di produzione Prodea Group si è avvalsa dei servizi di Protec, la principiale rental del Medio Oriente specializzata in tecnologie per eventi.

“In un evento spettacolare di tale prestigio nulla può essere lasciato al caso”, ha affermato Paul Flint, responsabile di produzione del team internazionale per Prodea. “La realizzazione di questo evento da parte di Protec ha centrato l'obiettivo: la loro attenzione ai dettagli è stata superlativa.”

Con oltre tre chilometri di sponde del canale da allestire, la fornitura di apparecchiature era enorme, come spiegato da Simon Travis, responsabile di progetto Protec per questo evento. “Prodea, un'azienda italiana, si è distinta per la creatività con cui ha gestito ogni aspetto di questo evento. Il committente chiedeva di sostenere la sua visione: creare effetti luminosi, audio e video spettacolari con un elemento di automazione per gli artisti-acrobati sul palcoscenico centrale. Un progetto di tale portata ha messo alla prova l'intero spettro di competenze di Protec. Con una riva così lunga da allestire, abbiamo suddiviso il progetto in sezioni più piccole, in modo da risultare più facilmente gestibili: Area Arrivi VIP, Tenda VIP, Palco Principale, Canale e Area Tradizione.”

“L'illuminazione era senza dubbio il settore che ha richiesto lo sforzo più grande: gli oltre tre chilometri di sponda del canale hanno richiesto su ogni lato un impiego di risorse colossale. Nelle postazioni principali sono state utilizzate apparecchiature MA Dot2 e MA2 full-size, utilizzate per il controllo di un formidabile schieramento di proiettori, in gran parte Claypaky. Molti Alpha Spot 700 sono stati integrati da numerosi Sharpy, Super Sharpy, K10 e K20 B-EYE, Scenius, Mythos, per un totale di 432 proiettori Claypaky.

“La parte video è risultata essere quella più complessa: si trattava di realizzare una grande proiezione dei contenuti forniti da Prodea, per la cui produzione si è servita anche dei propri server multimediali” ha raccontato Travis. “Gli elementi tecnici principali erano due: una dozzina di Barco HDF 30 K installati per il palcoscenico centrale e altri otto montati su quattro torri per le pareti d'acqua lungo il canale. Le pareti d'acqua hanno creato parecchi problemi perché il vento sulla costa le rendeva instabili, con soffi che disturbavano le immagini proiettate, che risultavano poco definite. Chris Wimbush, responsabile video, ha risolto il problema insieme al suo team, installando reti metalliche per stabilizzare le pareti d'acqua. La soluzione, però, ha creato a sua volta un nuovo problema: le pareti d'acqua sono una superficie per retroproiezione, ma con la rete metallica offrono prestazioni migliori con la proiezione frontale: per questo motivo è stato necessario riposizionare sul lato opposto quattro serie di torri con i relativi proiettori.

“Il vento è stato il fattore più impegnativo dell'intera produzione: come accade spesso con progetti di dimensioni colossali, il lavoro fino all'ultimo minuto ha implicato molte operazioni meccaniche in cantiere, che hanno causato considerevoli quantità di polvere. Fortunatamente, abbiamo previsto il problema e abbiamo attuato adeguate contromisure, per cui nessuna apparecchiatura strategica ha subito danni durante gli spettacoli serali. Questo risultato è stato per noi fonte di grande soddisfazione" ha concluso Travis.

Anche Flint ha espresso uguale soddisfazione: “Il nostro cliente, Dubai Roads and Transport Authority, desiderava un evento che riflettesse l'importanza di questo colossale progetto ingegneristico e Protec ci ha aiutato a realizzare l'obiettivo con grande eleganza ed estrema professionalità. Grazie al collegamento tra Deira e Bur Dubai con il prolungamento del fiume, della Business Bay e del canale d'acqua di Dubai, siamo certi che tutta la comunità negli anni a venire potrà godere di benefici davvero notevoli.”

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it