Con Vasco Rossi in scena i nuovi Spheriscan di Clay Paky

Con Vasco Rossi in scena i nuovi Spheriscan di Clay Paky

Anno

2016

Luogo

Italia

Copyright delle fotografie

Ralph Larmann

Lighting designer

Giovanni Pinna

Produzione/Rental

BOTW

Prodotti correlati

data pubblicazione: 2 Agosto 2016

ITALIA – Vasco Rossi è tornato, ed è in perfetta forma. Ha dato il via al nuovo tour estivo con una data Zero, lo scorso 18 giugno, allo Stadio di Lignano Sabbiadoro. L’annuncio in “anteprima esclusiva abusiva” era arrivato con un post sulla pagina Facebook di Vasco. Ora, dopo il lungo Tour 2015 che ha toccato Bari, Milano, Bologna, Padova, Messina, Firenze, Torino e Napoli, Live Kom 2016 è arrivato a Roma con un nuovo spettacolo, potente ed emozionante, una nuova scaletta e nuovi protagonisti in passerella: i proiettori Spheriscan di Clay Paky.

Quattro serate imperdibili, il 22 23 26 e 27 Giugno 2016, illuminate dal lighting designer Giovanni Pinna. “Il palco, e gran parte degli allestimenti sono gli stessi del 2015. Soluzioni sceniche fuori da ogni convenzione, eleganti, sobrie, pulite nelle linee e nei materiali. Ideate ed elaborate da Giò Forma, ispiratosi alle forme della chiglia di una nave”.

Vasco richiede e investe molte energie creative nei suoi eventi live. E’ salito sul palcoscenico dello Stadio Olimpico di Roma ed ha fatto esplodere di gioia 200 mila spettatori in preda alle emozioni della sua musica. 

“Vasco ha elaborato una nuova scaletta con 33 canzoni scelte dal suo repertorio, tutte sostanzialmente contaminate dalla stessa impronta rock. E ogni sera ha suonato a sorpresa una canzone diversa. Metà dello spettacolo è da inventare, a partire dai contributi video dei nuovi brani da inserire, l’altra metà è da riprogrammare”.

Tra i proiettori che completano il disegno luci, moltissime delle teste mobili sono Clay Paky: 54 proiettori Sharpy, 50 Sharpy Wash 330 e 24 Alpha Beam 1500. Gli Sharpy, uno standard per potenza luminosa, peso, comodità e affidabilità, incorniciano e sono disposti lungo tutti i 74 metri di fronte del tetto del palco, e con i loro fasci sono stati molto presenti.

“Di proiettori Sharpy Wash, una scoperta abbastanza recente, ne ho usati tanti perché ne sono stato conquistato del tutto”. Sono potentissimi, compatti e agili, hanno qualità cromatiche sorprendenti, usati proprio come wash tradizionali, per illuminare la band e il palco, proprio per la loro particolare qualità del colore.

I fasci di luce super-concentrata dei proiettori Alpha Beam 1500, sono stati usati per i loro fantastici effetti a mezz'aria, e gli strumenti ottici con cui si possono modellare le forme e le dimensioni dei fasci e arricchirli con colori e movimenti dinamici.

Tra le innovazioni più recenti di Clay Paky, Giovanni Pinna ha chiesto 16 proiettori Spheriscan, uno scanner con uno specchio che ruota vorticosamente senza punto d’arresto. La velocità dei movimenti è regolabile a piacere ed il valore massimo raggiunge ben 250 giri al minuto, cioè più di 4 giri al secondo.

“Il tempo di integrare nello show i nuovi arrivati è stato veramente poco per colpa del maltempo che ci ha letteralmente tempestato di pioggia. Ho cercato di sfruttare al massimo gli Spheriscan nei momenti piu forti dello show, e dove, secondo me, si adattavano meglio per le caratteristiche di brani come Gli Spari Sopra, Ormai è tardi, Alba Chiara. La rotazione infinita l’ho utilizzata diverse volte ma sempre diversificata sia nella velocità che nella modalità di utilizzo.
La cupola RGB è rimasta accesa invece per tutto lo show integrandosi alla perfezione con le strisce RGB presenti sui profili del palco e delle passerelle”.

Grazie allo speciale housing e al globo trasparente che protegge il suo specchio, lo Spheriscan è perfetto per gli allestimenti all’aperto (grado di protezione IP54). Mentre l’impiego di un sistema di supporto speciale (opzionale), permette di montare i proiettori a incasso e a filo del piano scenico, originando spettacolari proiezioni radenti sulla scena e tra il pubblico. 

Un nuovo potentissimo proiettore d’effetti capace di apportare allo show un nuovo contributo inconfondibile.

Service del tour è BOTW di Pomezia, ormai al seguito di Vasco da 17 anni. “Una squadra veramente affiatata e professionale capitanata dal fido Fabrizio Moggio, da anni il mio responsabile tecnico in tour, affidabile, preciso e impeccabile nell’allestire in qualsiasi situazione il mio progetto nel migliore dei modi”.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it