Clay Paky colora i principali palazzi di Galati e Tecuci, in Romania

Clay Paky colora i principali palazzi di Galati e Tecuci, in Romania

Anno

2008

Luogo

Romania

Lighting designer

Ion Calescu, arch. Viorel Chirila

Prodotti correlati

CP Color 150-E CP Color 575
data pubblicazione: 3 Dicembre 2008

Galati e Tecuci, città romene crocevia dell’est Europa (sorgono a pochi km dal confine con Moldavia e Ucraina) stanno vivendo un rinascimento culturale e artistico grazie all’intraprendenza della Camera di Commercio locale, che - fra le varie iniziative intraprese - ha deciso di ristrutturare e illuminare i palazzi più importanti dei centri cittadini.

Dan Lilion Gogoncea, responsabile della Camera di Commercio di Galati, è noto in Romania per la sua lungimiranza e per avere caldamente sostenuto diverse operazioni urbanistiche volte all’ammodernamento del Paese.

Uno dei primi interventi è stato operato al County Council di Galati, trasformato da decadente casa di proprietà di Ceausescu, a magnifica sede del Consiglio dei Conti locale. Successivamente è stata la volta degli edifici del F.P.I.M.M., la fondazione che di occupa della promozione delle piccole e medie aziende.

L’ultima in ordine di tempo è stata la stessa sede della camera di Commercio, dell’Industria e dell’Agricoltura, edificio storico dedicato a Alexander Ioan Cuza, capo di stato che nel 1859 riunificò le tre parti in cui la Romania era divisa in un unico Paese.

Per avere un’illuminazione che sapesse attirare l’attenzione, Dan Lilion Gogoncea ha affidato il lavoro all’ architetto Viorel Chirila e al lighting designer Ion Calescu, i quali hanno analizzato le richieste della committenza e hanno individuato il tipo di prodotto da impiegare.

Dato che si sarebbe dovuta realizzare un’installazione fissa, servivano innanzitutto dei proiettori in grado di resistere all’aperto e alle intemperie anche per lunghi periodi di tempo, considerato il clima invernale molto rigido tipico della penisola balcanica.

Si sono dunque tenuti in considerazione solo proiettori che offrissero un grado di protezione IP65.

A questo punto, occorreva selezionare all’interno della vasta offerta di cambiacolori quelli che offrissero il migliore mix fra qualità del colore, potenza luminosa, durata della lampada e flessibilità d’utilizzo.

Viorel Chirila e Ion Calescu hanno individuato nei CP Color della Clay Paky i proiettori più adatti per questa applicazione. 15 CP Color 150 e 8 CP Color 575 sono stati posizionati lungo il perimetro dell’edificio, dotati di filtri diffusori in grado di garantire una omogenea diffusione del colore.

Ci dice Viorel Chirila: “L’illuminazione dei palazzi è un’attività piuttosto nuova in Romania, che raggiunge un duplice scopo: valorizza gli edifici della città e crea un forte motivo di richiamo per tutti i cittadini: questi interventi aiutano a rendere la città più vivibile! Per guidare questa piccola rivoluzione, abbiamo voluto scegliere dei prodotti di un’azienda italiana molto nota e rispettata nel settore, la Clay Paky”.

L’installazione prevedeva l’illuminazione di due edifici adiacenti e una parete, per cui i cambiacolori sono stati collegati e comandati attraverso segnale DMX, facendo in modo che il cambio di colore fosse totalmente sincronizzato oppure volutamente asincrono, per creare un contrasto di colori fra le facciate dei palazzi. Sono state fatte molteplici programmazioni, in modo da avere svariate combinazioni di colore a disposizione.

Ci dice Ion Calescu, titolare dell’azienda PRO Dance che ha eseguito l’installazione: “Abbiamo puntato sui CP Color per una serie di ragioni, non ultimo che consumavano quasi la metà di altri proiettori con caratteristiche simili. In più, i CP Color Clay Paky mi offrivano elevata luminosità, colori saturi e puri, facilità di impiego e bassi costi di funzionamento e manutenzione”.

A detta del committente, e soprattutto a detta dei cittadini, l’obiettivo è stato pienamente raggiunto: tutti coloro che vivono o che transitano per Galati e Tecuci rimangono affascinati da questa inconsueta scenografia colorata, e tanti di loro, ivi inclusi molti giovani sposi, hanno usato questo fondale per le loro foto ricordo.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it