Gli Sharpy di Clay Paky con il Tour di Journey e Steve Miller Band

Gli Sharpy di Clay Paky con il Tour di Journey e Steve Miller Band

Anno

2014

Luogo

Canada, Stati Uniti

Lighting designer

Kevin “Deuce” Christopher

Produzione/Rental

Tour Tech East Ltd.

Prodotti correlati

data pubblicazione: 1 Ottobre 2014

USA/CANADA – Gli Sharpy di Clay Paky hanno illuminato Journey e Steve Miller Band per tutto il viaggio che li ha portati a toccare 30 città di Stati Uniti e Canada. 

Il tour rappresentava l'occasione per riunire due dei gruppi storici che tanto hanno contribuito a delineare il cosiddetto San Francisco Sound.  Nelle loro rispettive carriere ultraquarantennali, i Journey hanno venduto 80 milioni di album in tutto il mondo, mentre la Steve Miller Band ha superato i 30 milioni di dischi.

Incaricata della fornitura delle luci per il tour, la Tour Tech East Ltd. di Dartmouth, Nova Scotia, ha messo a disposizione 34 Sharpy e 20 Sharpy Wash.  Tracey Ploss, senior account executive della società, collabora con i Journey e con Kevin “Deuce” Christopher, lighting designer della band, da ormai otto anni.

“L'anno scorso Deuce ha usato un paio di Sharpy, ma quest'anno ha espressamente richiesto anche degli Sharpy Wash per il tour e, di conseguenza, li abbiamo aggiunti al nostro stock di magazzino,” afferma Ploss.  “Abbiamo fatto un significativo sforzo per l'investimento in proiettori Clay Paky.” Gli Sharpy sono molto popolari presso i clienti di Tour Tech in virtù della loro emissione luminosa, oltre che per le dimensioni ridotte e i bassi consumi di energia.  Questi proiettori sono attualmente impiegati da Styx e Foreigner, e il Calgary Stampede ne ha utilizzati un gran numero per il suo famoso rodeo. 

Deuce, che è il lighting designer dei Journey dal 2004, afferma di avere “probabilmente raddoppiato” il numero di Sharpy nel rig per il nuovo tour.  “Ce ne sono 12 sui truss laterali e quattro su ciascuno dei truss sospesi, per un totale di altri 12.  Più uno su ciascuna delle dieci US Tower in cima a un muro di 20 Sharpy Wash,” spiega Deuce.  “Un display video, composto da pannelli  a led PRG/Nocturne V-28 e V-9, è collocato subito dietro alla band, sopra le torri.  In questo modo, sembra quasi che ci sia un muro di luce al cui vertice si trova il display video.”

Deuce afferma che “voleva fare qualcosa di un po' diverso” creando uno sfondo interessante per la band, “ma il budget non permetteva soluzioni elaborate con set personalizzati.  Così Tour Tech mi ha dato una mano a fornire l'effetto desiderato senza ricorrere ad attrezzatura su misura.”

Tour Tech ha concretizzato l'idea di Deuce di impiegare un truss nero A-Type, 76x76 cm x 2,44 messo perpendicolare su ruote.  “Sul fondo di ogni campata c'è un inserto in legno.  Ogni proiettore Sharpy viene posizionato sull'inserto – in questo modo tutti i proiettori sono nel truss e nessuno è al di sopra di esso,” spiega Deuce.  “L'uso del truss come alloggio principale delle luci ci permette una sistemazione ordinata nel camion, che ci assicura facilità di posizionamento e rimozione sul palco, e una comoda movimentazione per i cambiamenti di set del nostro programma che prevede l'esibizione di ben tre band.”  

Gli Sharpy Wash consentono a Deuce di “passare da un fascio molto stretto per una bella geometria grafica a un fascio largo per un effetto silhouette sulla band e wash sul pubblico.” Un altro dei requisiti era inoltre che la loro emissione luminosa fosse in grado di stagliarsi contro il display video. 

Il lighting designer della Steve Miller Band, Andrew Richter di IOD Group di New York, ha utilizzato gli Sharpy e gli Sharpy Wash “in modo diffuso” negli ultimi due anni.  “La potenza pura sprigionata da questo proiettore così rapido e compatto lo rende ideale per quasi tutte le applicazioni, eccetto quelle relative a long-throw e fascio ampio.  Personalmente preferisco gli Wash in una posizione a metà palco per il nostro rig non condiviso, data la loro velocità e profondità di resa cromatica.”

Il design scenico per la band esige che Richter blocchi gli Sharpy Wash sul truss posteriore inferiore con un sipario a fibre ottiche e un sipario a tutto palco ideati da Stanley Meyers per il brano “Jet Airliner” in cui gli Sharpy giocano un ruolo chiave.

“Il sipario a tutto palco di ‘Jet Airliner’ raffigura al centro un grande aereo che punta verso l'alto con attorno tutta una serie di piccoli aerei in formazione, come tributo al sol levante giapponese,” spiega Richter. “Volevo veramente creare la sensazione del jet in movimento. Io e il mio collega-programmatore di lungo corso Scott McCowan abbiamo lavorato su parecchie sequenze semplici (chase) di intensità diversa e colpi di colore. In ultima analisi, abbiamo pensato al vecchio ‘Speed Racer’ di anime e manga giapponesi, dove il soggetto principale è statico e le immagini in rapida successione danno la sensazione del movimento.”

Richter e McCowan hanno ottenuto un risultato analogo sfruttando gli Sharpy da una posizione laterale in modo che “sfiorassero il sipario con la raffigurazione di file di nuvole che si muovevano scendendo lungo le ali e la fusoliera dell'aereo immobile, creando l'effetto del movimento,” dichiara Richter.  “È la perfetta sinergia di luce giusta e programmazione brillante a creare la visione che volevo, senza video e senza ruote di animazione, ma semplicemente usando la velocità e la precisione del richiamo della posizione che solo uno Sharpy può offrire.”

"Ho avuto il piacere di lavorare con Deuce nei suoi ultimissimi tour dei Journey e devo dire che riesce sempre a escogitare modi nuovi di ravvivare la performance della band a beneficio del pubblico.  Sapevo che l'inserimento degli Sharpy Wash avrebbe giovato a tutto l'insieme e sono stato contento di constatare che a Deuce siano piaciuti così tanto.  Anche collaborare con Tracey e il team di Tour Tech East è sempre fantastico, per cui posso affermare che l'intero progetto è stato un vero piacere per A.C.T,” sono le parole di George Masek, Vice presidente di A.C.T, Automated Lighting.

Per quanto riguarda i Journey, Kevin Cassidy è il crew chief, Rob Kern il production manager, Armando Figueroa il responsabile per il controllo e la distribuzione della potenza, Oscar Carnales il lighting tech, e Cole MacDonald FOH il systems tech. Scott McCowan è invece il programmatore dello show della Steve Miller Band.

Francesco Romagnoli, Area Manager di Clay Paky per Nord e Sud America, così ha commentato: “Questo è un tour molto ambizioso e di grande effetto ed entrambi i designer stanno facendo un magnifico lavoro sfruttando al massimo i nostri proiettori.”

A.C.T Lighting è il distributore esclusivo Clay Paky in Nord America.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it