Gli stupefacenti Mythos di Clay Paky sui War on Drugs

Gli stupefacenti Mythos di Clay Paky sui War on Drugs

Anno

2015

Luogo

Regno Unito

Copyright delle fotografie

The Fifth Estate Ltd

Lighting designer

Ben Silverstein & John Frattalone

Produzione/Rental

Siyan Ltd

Prodotti correlati

data pubblicazione: 13 Maggio 2015

Regno Unito - Il team del design di produzione di Ben Silverstein e John Frattalone è stato uno dei primi ad utilizzare i nuovi premiatissimi Mythos di Clay Paky in grande quantità in un importante show itinerante. Il duo con base a New York ha richiesto esplicitamente i proiettori come parte del suo progetto intimo e coinvolgente per il tour inglese dei War on Drugs.

Silverstein ha scelto 30 Mythos e 19 Sharpy di Clay Paky, forniti da Siyan Ltd, su consiglio del suo account handler, Tom Grant. Giocando con un impianto che include un semi cerchio di pannelli scenici frastagliati bianchi, il team ha creato qualcosa di simile a una scultura di luce che avvolgeva gli indie rocker americani.

L'aspetto chiave del design era la luce indiretta: i proiettori che illuminavano i pannelli andavano nascosti agli occhi del pubblico, ma dovevano essere comunque in grado di creare un'ampia varietà di atmosfere.

"Abbiamo posizionato 12 Mythos sul pavimento, in modo che seguissero l'arco dei pannelli, insieme a sette Sharpy sul pavimento del palco superiore. I Mythos sono stati posizionati esattamente tra i pannelli, così da isolare la luce da ciascun proiettore," spiega Silverstein. "Sono stati fenomenali: hanno uno zoom e degli effetti texture incredibili, ma anche perfetti wash di luce tra i pannelli, che abbracciano la band. Quelli offstage si estendevano oltre il palco al punto da coinvolgere completamente il pubblico."

La squadra ha anche montato 18 Mythos e 12 Sharpy a mezz'aria per creare fantastici effetti aerei a fasci incrociati.
"Il sistema ottico dei Mythos è fenomenale," continua Silverstein. "La prima volta che ho utilizzato lo zoom e il gobo stretto non potevo credere ai miei occhi. Per non parlare dell’ampiezza che possono raggiungere: sono impressionanti! La prima volta che la band li ha visti la reazione è stata: "Non sapevamo di avere a disposizione dei laser!"

I Mythos sono una forma molto avanzata di luce ibrida, con uno zoom che spazia da 4° a 50°. Il team li ha usati anche per le luci frontali, così da mantenere la band sempre perfettamente illuminata mentre suonava, come dice Silverstein: "Grazie all'impressionante varietà dei Mythos, siamo riusciti a usarli come luce frontale, wash e spot, passando armoniosamente da fasci tenui, nitidi e texturizzati. Sono stati fantastici per la fase della programmazione, ma averli ha anche significato ottenere l'esatta combinazione di colore che cercavamo per il rig.

"Siamo davvero contenti di aver seguito il suggerimento di Tom; è stato grande durante tutto il progetto. L'allestimento nel Regno Unito era un po' difficoltoso, perché passavamo da locali di musica rock molto piccoli alle due serate della Brixton academy. Ciò nonostante siamo riusciti a trovare la giusta soluzione proprio grazie a Tom. I Mythos sono stati incredibili e ci hanno lasciati molto soddisfatti."

I War on Drugs stanno ora facendo tappa negli Stati Uniti, con diverse date per i festival di questa estate, tra i quali il Coachella.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it