I Mythos  al servizio di Brandon Flowers

I Mythos al servizio di Brandon Flowers

Anno

2015

Luogo

Europa

Copyright delle fotografie

Torey Mundkowsky

Lighting designer

Steven Douglas

Produzione/Rental

Neg Earth

Prodotti correlati

data pubblicazione: 1 Settembre 2015

Europa – Mythos, il proiettore ibrido pluripremiato di Clay Paky, ha seguito il cantante statunitense Brandon Flowers nel suo tour europeo unitamente al lighting designer Steven Douglas che, nella maggior parte degli sbalorditivi effetti dello show, fa un uso diffuso della multifunzionalità di questo gioiellino di Clay Paky.

Esibendosi fra Irlanda, Germania, Italia e Regno Unito, il frontman dei Killers ha promosso il lancio di ‘The Desired Effect’, suo secondo album da solista.

Douglas collabora con Flowers e la sua rock band originaria di Las Vegas da più di 10 anni, e crea i suoi design per i vari tour di grande successo della band partendo da zero. Per la serie di date da solista di Flowers, il design di Douglas si è incentrato su fasci di luce ben definiti per creare una sensazione architettonica e si è avvalso di sei Mythos cui è stato affidato il grosso del lavoro per il pacchetto a terra.

“La mia idea per questo tour era di allontanarmi dai proiettori Wash e di impiegare dello spazio scuro allo scopo di accentuare per contrasto la forza dei fasci luminosi” spiega Douglas. “Abbiamo trovato così un modo di illuminare i vari elementi sul palco da una prospettiva ravvicinata, eliminando l'esigenza di qualsiasi washlight per evidenziare queste posizioni. In questo modo sono riuscito a sfruttare appieno le modalità Beam e Spotlight dei Mythos per creare gli effetti sul palco per la maggior parte del set.”

Douglas ha richiesto anche alcuni A.leda B-EYE K20, che ha collocato sul palco attorno alla posizione centrale di Brandon Flowers e che sono stati forniti da Neg Earth. I Mythos invece sono stati posizionati a terra sul fondo del palco, dietro agli elementi cha hanno accompagnato Flowers nelle sue esibizioni.

“Ero interessatissimo a mettere alla prova i Mythos per questo tour, dato che dovevamo ottenere il massimo dell'impatto avendo a disposizione per il trasporto uno spazio minimo” afferma il designer. “Infatti abbiamo affrontato la tournée con un unico autocarro in cui erano riposti backline, set e attrezzatura video: abbiamo dunque individuato  il Mythos come risposta ideale alle nostre esigenze, dato che racchiude il meglio dei due mondi (Spot e Beam). Anche nella scelta dei B-EYE è stata tenuta ben presente la versatilità: oltre che semplice washlight LED, la loro luce assicura grandi effetti grafici.

I Mythos non sono solo grandi. Sono anche incredibilmente luminosi – non per niente ho dovuto abbassare il loro livello di emissioni in alcuni degli ambienti più piccoli. Nell'insieme comunque si sono adattati perfettamente alle location di minori dimensioni e non sono mai sembrati fuori posto nemmeno nei contesti più grandi e spaziosi.”

Per le date inglesi di Flowers alla O2 Academy di Brixton, Douglas ha deciso di amplificare l'impatto con ulteriori 16 Mythos schierati sopra la mic position nel proscenio. Ha anche aggiunto un certo numero di Sharpy, Sharpy Wash 330 e Stormy CC, tutti naturalmente di Clay Paky.

“Per il rig ‘locale’ di Brixton, ho aggiunto un truss anteriore e posteriore, la Mythos box nel proscenio e quattro ladder truss laterali” afferma Douglas. “Ormai utilizzo gli Sharpy e gli Sharpy Wash 330 da un bel po' di tempo, quindi so bene cosa posso ottenere da loro. Ho inserito gli Stormy CC perché volevo provare uno strobe LED, e posso dire che si sono comportati egregiamente.”

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it