I proiettori Clay Paky animano il 12° Festival della cultura

I proiettori Clay Paky animano il 12° Festival della cultura

Anno

2014

Luogo

Germania

Lighting designer

Michał Mazurkiewicz

Produzione/Rental

VES Venue & Event Support - Niclen

Prodotti correlati

data pubblicazione: 3 Agosto 2014

Germania: VES Venue & Event Support, società polacca del settore dell'event engineering, il mese scorso ha utilizzato un mix di Sharpy e Alpha Spot HPE 1500 di Clay Paky per diffondere effetti a mezz'aria e wash cromatici su un pubblico di 15.000 spettatori convenuti all'ISS Dome di Düsseldorf nell'ambito di uno dei principali festival internazionali della cultura. VES ha collaborato con Niclen (www.niclen.de) nella fornitura di tutto il lighting equipment per l'evento.

Piotr Tomaszewski, project manager di VES, ha supervisionato la produzione dell'evento che ha contrassegnato la cerimonia di chiusura del 12° Language and Culture Festival trasmessa in tutto il mondo. La cerimonia ha visto esibirsi più di 250 studenti provenienti dai 145 paesi partecipanti all’evento.

“Per il consueto appuntamento di quest'anno volevamo creare qualcosa di veramente speciale,”
spiega Tomaszewski. “Abbiamo collaborato con il lighting designer Michał Mazurkiewicz nella progettazione e realizzazione di un fondale di luce ‘live’ per creare un elemento scenico che fosse al contempo estremamente versatile e in grado di cambiare mood e atmosfera non solo sul palcoscenico, ma nell'intero stadio.”

Il fondale ‘live-lighting’ che ha illuminato gli spettatori era composto da otto elementi di truss a forma curva montati su rig con 70 Sharpy e 48 Alpha Spot HPE 1500. Le potenti emissioni luminose a lunga gittata dei proiettori Clay Paky sono state proiettate sul pubblico dello stadio e hanno inondato di colori il palco e gli artisti.

“È stato un evento incredibilmente significativo, che ha avvicinato rappresentanti di diverse nazionalità e fedi e che ha voluto celebrare la ricchezza della diversità,” continua Tomaszewski. “Volevamo un lighting design che fosse di grande effetto, unico e speciale sotto tutti i punti di vista al fine di stimolare il pubblico e creare un'atmosfera affine a quella delle cerimonie di premiazione di Hollywood. Lo Sharpy e l'Alpha Spot HPE 1500 sono entrambi assolutamente indicati per lavorare a grandi altezze e distanze impegnative. L'Alpha Spot HPE 1500 ha avuto una resa stupefacente, con un grande impatto sul palco.”

Dotato di un ampio sistema di effetti, l'Alpha Spot HPE 1500 è uno dei proiettori d'eccellenza presenti sul mercato e dispone di 20 gobo su tre ruote distinte, un disco animazione, un prisma rotante e uno zoom con un range di apertura da 7° a 57° (rapporto 1:8) con una velocità di 120 bpm.

“Già in fase di progettazione avevamo un'idea piuttosto precisa di come avremmo potuto sfruttare le possibilità che ci venivano offerte dallo Sharpy e dall'Alpha Spot HPE 1500,” continua Tomaszewski. “Abbiamo ridotto al minimo il loro impatto sulla proiezione e, quale risultato, abbiamo ottenuto degli effetti luce sbalorditivi e delle immagini di elevata qualità che hanno potuto essere adattate alle esigenze della trasmissione televisiva.”

Il lighting designer Mazurkiewicz ha fatto risaltare le file di Alpha Spot HPE 1500 HPE inserendovi degli Sharpy di Clay Paky per creare un effetto texture diverso. Molto in voga tra i lighting designer che cercano un proiettore dal fascio concentrato e allineato di modesto ingombro, in grado di illuminare qualsiasi cosa che vada da piccoli eventi di carattere quasi intimo a produzioni mastodontiche da stadio, lo Sharpy pesa appena 19 kg e produce una luce affilata come la lama di un rasoio la cui luminosità smentisce decisamente le dimensioni modeste di questo gioiellino.

“La velocità del proiettore coniugata alla purezza del suo fascio luminoso, al range del suo zoom e all'incredibile disco animazione di cui dispone sono stati i fattori che ci hanno indotto all'unanimità a pretendere lo Sharpy per questo particolare progetto,” afferma Tomaszewski. “In sintesi, il motivo per cui abbiamo scelto il proiettore di Clay Paky è semplice: non c'è niente di meglio.”

Da parecchi anni VES conduce la sua attività con successo nei mercati esteri. Quest'anno è stata attivamente coinvolta nell'organizzazione di eventi in paesi quali Germania, Russia, Romania, Turchia, Spagna e Francia, oltre che in Polonia, suo paese d'origine. Nel corso del 12° Language and Culture Festival di Düsseldorf, la responsabilità di VES si è estesa alla produzione del concerto e alla fornitura del lighting equipment, oltre che alla creazione e alla realizzazione della scenografia.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it