Il Madison Square Garden risplende della luce dei Mythos e Sharpy in occasione degli MTV Video Music Awards 2016

Il Madison Square Garden risplende della luce dei Mythos e Sharpy in occasione degli MTV Video Music Awards 2016

Anno

2016

Luogo

Stati Uniti

Lighting designer

Bob Barnhart

Produzione/Rental

PRG

Prodotti correlati

data pubblicazione: 9 Dicembre 2016

USA - I proiettori Mythos e Sharpy di Clay Paky hanno acceso di luce il Madison Square Garden, il celeberrimo stadio di New York, che ha ospitato l’edizione 2016 degli MTV Video Music Awards (VMA).  Il lighting designer Bob Barnhart ha impiegato per l’evento un set molto ricco di proiettori per la diretta televisiva trasmessa dal network Viacom, il colosso americano dei media, oltre che su smart TV, su dispositivi mobili, sul sito Web di MTV e su Facebook Live.  

Per Barnhart e per 22 Degrees, l'azienda di illuminazione di Las Vegas fondata dal lighting designer, si è trattato della seconda esperienza agli MTV Video Music Awards.  “La sfida più grande è stata quella di realizzare un progetto di illuminazione per un tipo di show che rimane in continua evoluzione fino all’ultimo minuto” ha spiegato Barnhart.  “Ci voleva un rig sufficientemente versatile per la gestione del palco principale e di tutti gli altri spazi, che ancora non erano stati definiti.  In più, lo stesso Madison Square Garden presenta ulteriori difficoltà, perché dispone di pochi elementi scenici utilizzabili per "abbracciare" il pubblico con riprese cross-camera.  Ed è proprio qui che l’illuminazione gioca un ruolo fondamentale".

Per questo evento Barnhart ha scelto 178 Mythos di Clay Paky.  “Avevo già utilizzato questi proiettori per l'Half-time Show della 49ª edizione del Super Bowl, prima ancora che arrivassero sul mercato”: ha ricordato. “Per i VMA i Mythos hanno creato un effetto beam molto dinamico e si sono dimostrati proiettori estremamente versatili.  La luce calda dei loro fasci mi ha permesso di mettere perfettamente a fuoco alcune aree sulle quali volevo richiamare l'attenzione del pubblico, ma possono essere utilizzati senza problemi anche come luci d’atmosfera.  Sono straordinari!”

Il lighting designer ha installato i Mythos alla struttura del Garden in un intreccio di ottagoni che riproponeva la forma del set.  I Mythos erano disposti anche in file alternate lungo le ali laterali che fiancheggiavano lo schermo a LED principale, alle spalle del palco.
Barnhart ha installato 36 Sharpy nella parte posteriore del Garden perché facessero da sfondo alle poltrone dei VIP e aggiungessero profondità e forma all'arena stessa.  “Gli Sharpy sono un'ottima soluzione quando hai bisogno di rischiarare le aree che non si prestano alle riprese perché troppo buie,” ha puntualizzato.  “Direi che sono insostituibili.”
I proiettori Mythos e Sharpy che fanno parte della dotazione fissa del Garden, sopra l'anello esterno del soffitto, sono stati utilizzati per aggiungere ancora più luce quando la scena lo richiedeva.

L’americana PRG, una società di Entertainment & Event Technology, ha fornito i proiettori Clay Paky utilizzati per la cerimonia.

A.C.T Lighting è il distributore esclusivo di Clay Paky per il Nord America.
Francesco Romagnoli, Area Manager di Clay Paky per il Nord America e America Latina, ha aggiunto: "È fantastico fare parte di uno degli eventi televisivi più importanti, ed è sempre un vero piacere collaborare con Barnhart.”

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it