Il New York Festival of Light tiene a battesimo i Supersharpy Clay Paky negli Stati Uniti

Il New York Festival of Light tiene a battesimo i Supersharpy Clay Paky negli Stati Uniti

Anno

2014

Luogo

Stati Uniti

Produzione/Rental

Levy Lighting NYC

Prodotti correlati

data pubblicazione: 25 Novembre 2014

STATI UNITI – Il 6-7-8  novembre ha visto la luce il primo New York Festival of Light (NYFOL) a DUMBO, Brooklyn, che ha attratto una tale folla di persone da impedire addirittura l'accesso a molte famiglie nello spettacolo del sabato sera.  NYFOL ha utilizzato numerosi proiettori di Clay Paky sul palco principale sotto le volte del Manhattan Bridge e i nuovi Supersharpy hanno dato vita all'installazione dello spettacolare Faro nel Pearl Street Triangle. 

NYFOL ha offerto ai visitatori un'accuratissima collezione di impianti di luce creati da lighting designer di portata locale e internazionale e da artisti e tecnici specializzati in esibizioni che lavorano tutti rigorosamente con le luci.  L'evento è stato presentato dalla New York Festival of Light Organization, un gruppo artistico no-profit.  La sua visione è quella di creare e offrire un'esperienza unica e piacevole per i residenti e i turisti, che metta in evidenza l'architettura di New York City grazie a strutture di luce proiettate, statiche e interattive.

NYFOL ha segnato il debutto negli Stati Uniti del Supersharpy di Clay Paky.  Clay Paky è stata rappresentata al festival anche da una dozzina per tipo di Sharpy, Alpha Spot HPE 700 e A.leda B-EYE K10.

Il lighting designer Ira Levy, a capo della società di produzione illuminotecnica Levy Lighting NYC, ha fondato NYFOL insieme a Liam O’Braion e lavora come direttore creativo.  In preparazione da quattro anni, NYFOL finalmente regala a New York il festival di luce decisamente coinvolgente che già esiste in altre grandi città.

"Abbiamo un'industria dell'illuminazione estremamente attiva, ma eravamo l'unica città senza un festival di luci," dichiara Levy.  Quando gli eventuali sponsor, e non solo loro, hanno richiesto una dimostrazione, la NYFOL Organization ha allestito lo scorso anno la First Light in Downtown Manhattan come evento lancio per incrementare la consapevolezza e creare entusiasmo rispetto ad un festival di luci.  A.C.T. Lighting ha sostenuto il progetto della First Light ed è stata impaziente di partecipare al NYFOL, programmato per DUMBO.

"Ira è un amico di vecchia data, gli abbiamo quindi proposto i nuovi Supersharpy e la creazione di effetti intensi per il festival," afferma Brian Dowd, vice presidente per le vendite di A.C.T. Lighting.   In collaborazione con Levy, ha montato otto Supersharpy su una piattaforma di circa due metri di altezza e ha puntato le luci al cielo per creare il Faro, una straordinaria colonna conica di luce blu che si vedeva persino da Midtown Manhattan.  Da una enorme sfera a specchi appesa al centro della piattaforma si propagavano frammenti di luce su tutta l'area quando i fasci di luce si concentravano sulla stessa.

"Stavamo facendo dimostrazioni con i Supersharpy ai clienti da alcuni mesi, ma tutti hanno pensato che questa fosse la prima volta che i Supersharpy venissero usati negli Stati Uniti," spiega Dowd.  "I Supersharpy erano appena stati utilizzati per commemorare il 25° anniversario della caduta del muro di Berlino.  Ogni Supersharpy ha appena 470 watt ma la potenza è sconvolgente: non esiste nulla di simile nella storia dell'illuminazione."

Clay Paky aggiunge al successo mondiale degli Sharpy quello dei Supersharpy, una testa mobile con fascio ACL caratterizzata da una lampada da 470 watt e 7.800 K.  Il suo fascio di luce è tre volte più brillante di quello degli Sharpy e offre un impatto ancora maggiore, secondo quanto confermano i numeri.  La luce dei Supersharpy può raggiungere incredibili distanze a mezz'aria, rendendoli i primi proiettori a fascio con bassa potenza che possono davvero sfidare una searchlight.

"Il Faro è diventato un'icona del festival," dichiara Levy.  "Superava l'altezza degli edifici circostanti di 20 piani e si potevano vedere le immagini rotanti tra le nuvole."

Levy Lighting ha fornito le luci Clay Paky che hanno svolto ruoli chiave sul palco principale sotto le volte del Manhattan Bridge, illuminando gli artisti e mettendo in evidenza l'architettura della struttura.  Il palco ha ospitato una serie di DJ ed anche la cantante e light performer Nicole Renaud; il gruppo sonic cinema Zero Times Everything, che ha creato la colonna sonora dal vivo per lo spettacolo laser; e gli iLuminate.

"Abbiamo allineato il tunnel con due file di truss fissi su cui erano montate le luci mobili e il sistema laser," spiega Levy.  12 Sharpy accentuavano i fasci a effetto laser "che erano sufficientemente innocui da illuminare le persone," dice.  12 Alpha Spot HPE 700 "davano spessore e profondità all'architettura del soffitto" mentre dodici B-EYE K10 "illuminavano il palco e esaltavano gli artisti."

La NYFOL Organization "si è davvero entusiasmata vedendo i riscontri" del festival, che è stato rapidamente reso famoso dai social media e dalla stampa locale, dice Levy.  "Sentivamo che si trattava di una vera opportunità per la nostra industria di esulare da quello che la gente si aspettava da noi (luci per i teatri e per i concerti di New York) e anche di valorizzare l'amore del pubblico per la luce.  Abbiamo dato il via a qualcosa che va oltre il commercio interaziendale.  Siamo stati gratificati nel vedere così tanti giovani e ci auguriamo che i ragazzi se ne ricordino e che gli studenti pensino all'illuminazione come a una possibilità di fare carriera.  Il NYFOL può anche essere un terreno fertile per i produttori che pensano a modi diversi (magari inaspettati) di utilizzare le luci.   Stimola l'industria ad aprirsi ad una maggiore creatività da parte di sempre più persone."

Francesco Romagnoli, Area Manager di Clay Paky per l’America Settentrionale e Latina, aggiunge: “E' stato un evento grandioso e una vetrina eccellente per le nostre nuove luci.  Il Sig. Levy è un grande designer e adoriamo collaborare con lui."

A.C.T Lighting è il distributore esclusivo Clay Paky in Nord America.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it