Luci Clay Paky in tournée con i Fleetwood Mac

Luci Clay Paky in tournée con i Fleetwood Mac

Anno

2014

Luogo

Stati Uniti

Lighting designer

Paul “Arlo” Guthrie

Prodotti correlati

data pubblicazione: 7 Dicembre 2014

USA – La storica rock band dei Fleetwood Mac non smette mai di pensare al domani… e di programmare un nuovo tour per la gioia dei tanti fans. Per il loro attuale “On With the Show Tour”, il lighting designer/production designer Paul “Arlo” Guthrie ha voluto un organico composto da luci mobili a led A.leda B-EYE K20 e Sharpy Wash di Clay Paky.

Il 30 settembre la band ha dato il via al tour che toccherà 40 città del Nord America e, dopo le prime esibizioni in arene gremite, ha deciso di aggiungere almeno altre 28 date per la seconda fase che inizierà nel gennaio 2015.  “On With the Show” costituisce per i Fleetwood Mac il primo tour dal 1997 in cui sono presenti tutti i membri.

“Creare per i Fleetwood Mac è sempre una sfida, dato che hai a che fare con cinque personalità ben distinte,” sostiene Guthrie che, tanto per cominciare ha ideato per loro “l'allestimento del palco più grande, libero e aperto possibile, in modo tale che ogni singolo posto a sedere nel luogo dell'esibizione possa avere una visione libera dello stage.  Mi sono assicurato di eliminare qualsiasi ostacolo, in modo tale che tutti possano vedere i componenti della band.”

Guthrie ha aggiunto un grande videowall sul fondo del palcoscenico, tre maxischermi disposti in sequenza sospesi e 12 pod luci.

Una dozzina di B-EYE K20 sono collocati sul lato dei pod rivolto al pubblico per illuminare i fans.  “Eseguono effetti grafici con controllo dei singoli pixel e sono degli wash rapidi, versatili ed enormi da 12 watt che possono illuminare l'intera audience,” afferma Guthrie.  “Non facciamo uso di nebbia e fumo creati da hazer e fogger, quindi non usiamo veramente gli effetti beam.  Ma sfruttiamo appieno l'animazione pixel.  Per alcuni brani i proiettori replicano quello che sta passando sul videowall.”

Guthrie ha fatto conoscenza con i B-EYE K20 l'anno scorso a LDI.  “Questa è la prima volta che li uso.  Colori, dimmer e effetti sono straordinari.  L'idea di avere 12 luci che possiamo attivare per illuminare l'intero contesto in cui il gruppo si esibisce è fantastica!”

Il lighting director Chris Lose aggiunge che “la cosa che mi ha colpito maggiormente dei B-EYE è la loro capacità di agire da proiettore a led e poi, con un semplice cambio di canale, di comportarsi come un proiettore a incandescenza. La maggior parte dei proiettori a led disponibili sul mercato non hanno questo calore e luminosità.

Su ogni pod sono montati tre Sharpy Wash per un totale di 36 proiettori.  “Fungono da washlight sospesa di gran resa e sfruttamento,” spiega Guthrie.  “Per la loro brillantezza otteniamo qualcosa di analogo a un effetto beam anche senza fumi. Ed è indubbiamente un ulteriore vantaggio.”

Guthrie ha impiegato per la prima volta gli Sharpy Wash per i Fleetwood Mac lo scorso anno, e successivamente li ha utilizzati per i Nine Inch Nails.  “Mi piace il fatto che non hanno l'effetto dimmer di un led. In effetti, il loro dimmer meccanico è incredibile.  Mi piacciono dimensione, velocità e qualità cromatica. Insomma sono una grande piccola luce che puoi sfruttare appieno.  Nei miei spettacoli c'è ancora spazio per luci che illuminano concretamente le cose, e con i Fleetwood Mac voglio che negli occhi vi arrivino la band e il palco, e non solo milioni di pixel.”

George Masek, A.C.T Lighting Vice Presidente - Automated Lighting, ha così commentato: "È un vero piacere lavorare con Arlo ai suoi progetti, e sono molto orgoglioso che abbia scelto i prodotti Clay Paky per realizzare le sue idee."

“È magnifico vedere le nostre luci più recenti impiegate per una band storica come i Fleetwood Mac” sono state le parole di Francesco Romagnoli, Area Manager di Clay Paky per Nord e Sud America.  “Arlo e Chris sono dei grandi talenti e hanno davvero fatto un uso eccellente dei nostri proiettori.”

A.C.T Lighting è il distributore esclusivo Clay Paky in Nord America.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it