Clay Paky crea le atmosfere del ristorante SFERA

Clay Paky crea le atmosfere del ristorante SFERA

Anno

2006

Luogo

Russia

Produzione/Rental

DOKA Media

Prodotti correlati

Golden Color 1200 Golden Spot 1200 Stage Zoom 1200
data pubblicazione: 18 Gennaio 2006

Il ristorante SFERA è un prestigioso ambiente polifunzionale ricavato nell'ambito del progetto "Torre-2000" all’interno del Business center "MOSCOW CITY" di Mosca. Occupa il piano terra e il primo piano della torre, ed è come se, con le sue enormi superfici vetrate, la sollevasse da terra. L'allestimento interno del ristorante, che l'architetto ha suddiviso in un insieme di sale, piazzole e passaggi disposti su livelli diversi, è del tutto atipico, e costituisce una complessa intersezione di figure e profili realizzati in acciaio inox lucido, spesse lastre di vetro, colonne luminose.

Al centro dell'intera composizione si trova l'elemento decorativo del “Globo”. L'impalcatura metallica del globo si trova su un ponticello di vetro che collega le due balconate del primo livello del ristorante, e dà l'impressione che il globo si libri nell'aria. Al di sopra, s'innalza slanciato un enorme cono di metallo, alla base del quale si trova un anello di sostegno che prevede la possibilità di fissare l’impianto d'illuminazione. Un altro elemento originale dell'allestimento è rappresentato dal “fiume” luminoso inserito nel pavimento del primo livello, e che apre in profondità lo spazio della sala inferiore.

Il progetto illuminotecnico

Il progetto illuminotecnico e la realizzazione sono stati messi a punto da "DOKA Media", grazie alla sua pluriennale esperienza sul mercato russo dell'illuminotecnica.

La complessità della progettazione era determinata, in primo luogo, dall’architettura interna del ristorante, che presentava un'elevata altezza (in un'unica sala sono presenti due piani per gli ospiti), con due pareti laterali a vetrate. Inoltre si è dovuto elaborare e realizzare il progetto a locale già ultimato, senza la possibilità di intervenire sulle finiture, montare ulteriori strutture di sostegno o procedere al fissaggio agli elementi d'ambientazione esistenti. Un ulteriore problema era rappresentato dalla necessità di scegliere dei prodotti per l’illuminazione che potessero essere utilizzati non solo quando il locale fosse stato usato come ristorante, ma anche in occasione di spettacoli o manifestazioni di altro tipo: presentazioni, seminari, concerti, serate di danza. Lo scopo principale del progetto consisteva nell'integrare le soluzioni illuminotecniche nell’ambiente, creando un'interazione attiva che risultasse al contempo armonica.

A questo progetto sono stati chiamati a collaborare, in qualità di consulenti, i maggiori designer e lighting designer da tutto il mondo. Nonostante le loro molteplici esperienze e l’impiego di tecniche già utilizzate in altri progetti, essi hanno tuttavia dovuto completamente re-interpretare molti aspetti del progetto, ricorrendo a nuovi approcci e nuove soluzioni tecnologiche.

Come base del progetto illuminotecnico, sono stati adottati i proiettori di effetti Stage Zoom 1200, Golden Spot 1200 e i washlight Golden Color 1200 della Clay Paky. La scelta di questi proiettori da 1200 Watt è stata dettata dalle caratteristiche architettoniche e d'allestimento della sala, che presentava dimensioni piuttosto estese e una densità molto elevata – che potremmo quasi definire una "viscosità" – delle strutture da illuminare, o addirittura da trafiggere con la luce. Inoltre, sono state utilizzate le pareti come schermi di proiezione.

L'elevata affidabilità dei prodotti Clay Paky, la loro possibilità di funzionare in qualsiasi posizione, nonché l'utilizzo di lampade a lunga durata, hanno consentito di posizionare i proiettori a un'altezza elevata, cioè al livello superiore delle pareti laterali e sulle mensole laterali sotto il ponte, al centro della sala. Inoltre, utilizzando i proiettori Clay Paky, è stato ottenuto un notevole risparmio a livello di spese di manutenzione. La loro possibilità di proiettare grafica luminosa, utilizzando una molteplicità di gobo, consente, all'occorrenza, di modificare l'aspetto delle superfici e degli altri elementi architettonici interni, ricorrendo a un ventaglio molto ampio di soluzioni luminose. Il potenziale grafico dei proiettori è infatti incrementato dai prismi rotanti, che conferiscono all'immagine volume e movimento. L'ambientazione diventa viva, l'aspetto delle sue superfici può essere colorato, modificato, arricchito in modo dinamico e alla velocità desiderata, così come previsto nel progetto del Lighting Designer. Il numero illimitato di combinazioni dei diversi colori, di effetti speciali, gobo e prismi di questi proiettori mette effettivamente a disposizione una gamma di scelte creative veramente vastissima.

Inoltre, gli Stage Zoom 1200 e i Golden Color 1200 sono proiettori con sistema di tricromia CMY, che consente di creare le più svariate sfumature di colore in sequenza graduale, ottenendo l'intero spettro cromatico con tonalità intense oppure pastello.

Sono infine stati installati degli speciali apparecchi in grado di creare una serie di raggi in continua variazione che formano immagini frattali. La proiezione di questi raggi sulle complesse strutture tridimensionali del ristorante Sfera ha consentito di ampliare ulteriormente l'arsenale degli strumenti a disposizione del Lighting Designer.

Tutti i prodotti per l’illuminazione vengono gestiti da centralina LightMaster Controller: un operatore luci ha programmato sul posto delle speciali sequenze luminose, volte a creare nell’ambiente un'ampia gamma di umori e situazioni, a sottolineare la giusta partecipazione emotiva per le più diverse manifestazioni: presentazioni, show, esibizioni, o per una semplice cena di compagnia. Questo quadro dei comandi è di uso piuttostosemplice, e consente anche a personale senza una speciale preparazione di riprodurreuno spettacolo luminoso sincronizzato all'accompagnamento musicale.

Dunque, il fluire di una luce morbida crea un'atmosfera accogliente, che predispone al massimo rilassamento, ma gli ospiti del ristorante possono passare dalla computer graphics alle giungle tropicali, ammirare l'aurora boreale e sentire tutta la profondità e l'immensità dello spazio cosmico. Sfera è uno spazio attraente e mutevole, pronto ad offrire qualsiasi situazione si desideri, e la crescente popolarità del ristorante conferma la validità delle soluzioni tecnologiche adottate.

Scheda tecnica - Illuminazione:
4 Stage Zoom 1200
4 Golden Spot 1200
8 Golden Color 1200

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it