I B-EYE K10 di Claypaky illuminano le ciminiere di Morro Bay per un progetto artistico

I B-EYE K10 di Claypaky illuminano le ciminiere di Morro Bay per un progetto artistico

Anno

2017

Luogo

Stati Uniti

Produzione/Rental

Omegabit Enterprise Portal Hosting

Prodotti correlati

data pubblicazione: 5 Gennaio 2017

USA – Tre gigantesche ciminiere di una centrale elettrica abbandonata di Morro Bay, California, sono tornate alla vita grazie alle luci dai colori vividi e ai sapienti effetti grafici di un paio di progetti artistici  “guerrilla style”, in cui la parte del leone l'hanno avuta gli A.leda B-EYE K10 di Claypaky.

Morro Bay è una cittadina di 10.000 abitanti che occupa un angolo da cartolina sulla costa californiana nella contea di San Luis Obispo.  Le sue caratteristiche principali sono un'altura rocciosa grande all'incirca un terzo della Rocca di Gibilterra e un lungomare di due miglia, nel quale spicca una centrale elettrica ormai chiusa che è difficile da demolire o riconvertire.
Chris Stavros di Omegabit Enterprise Portal Hosting ha avuto l'idea di illuminare le ciminiere con i B-EYE per un servizio fotografico estemporaneo. Tutto è cominciato quando i due gemelli di Stavros si sono diplomati presso la Los Osos Middle School.  Fan dei Phish, Stavros seguiva assiduamente la lighting technology usata dalla band e ha notato i B-EYE non appena sono entrati in scena.  “Ero alla ricerca di una scusa per metterci sopra le mani, e il ballo della scuola è stata la grande occasione” afferma soddisfatto.


Stavros ha noleggiato sei B-EYE K10 presso Bill Gaines Audio (BGA) di San Luis Obispo per illuminare l'Under the Sea Dance, il ballo di fine anno degli studenti.  “La mensa è stata trasformata in una discoteca con pesci, bolle, macchine del fumo e luci” spiega Stavros.  “Ne è venuta fuori una cosa fantastica!”

Poi ha avuto la brillante trovata di chiedere ai proprietari della centrale elettrica fuori servizio se poteva impiegare i B-EYE per illuminare le ciminiere per un servizio fotografico. Avuto il permesso, anche se il servizio non è stato annunciato pubblicamente la notizia ha comunque generato “enorme scalpore – più di qualsiasi altro progetto in città” riferisce il diretto interessato.

Stavros ha impiegato sei B-EYE per inondare le tre ciminiere di luce ed effetti grafici.  Le ciminiere sono alte circa 140 metri e sono distanti l'una dall'altra quasi 25 metri.  “Non eravamo sicuri dell'efficacia che avrebbero avuto i B-EYE dovendo coprire una superficie così ampia, ma abbiamo illuminato ogni ciminiera con due proiettori distanti da 14 a 18 metri dalla base, puntandoli sia verso il basso che verso l'alto per coprire l'intera torre” spiega il designer.  “Le ciminiere si sono rivelate dei fondali perfetti per i B-EYE.  Abbiamo giocato su colori stagionali in tema con le vacanze e poi ci siamo sbizzarriti con arcobaleni e disegni vari. Tutto è stato realizzato con forme e funzioni preimpostate dei B-EYE – l'ampia varietà delle impostazioni ci ha infatti offerto una enorme tavolozza con cui lavorare.  Abbiamo giocato con zoom e rotazione per eseguire il morphing al volo.  E la sensazione che abbiamo avuto è di avere solo cominciato a sfruttare quello che i B-EYE sono in grado di fare.”

In seguito Stavros ha passato un pomeriggio ad organizzare un estemporaneo “beach party vecchia maniera” con tanto di DJ e ballo direttamente sulla spiaggia a una decina di metri dall'acqua di Morro Bay.  La nostalgica scena è stata illuminata dai B-EYE.  “La gente che passava davanti al bagnasciuga era come basita, tanto che doveva prendersi a pizzicotti per assicurarsi che fosse tutto quanto vero” ricorda Stavros.

Tre settimane dopo il sindaco di Morro Bay ha chiesto a Stavros di illuminare le ciminiere per il weekend di celebrazioni cittadine del 4 Luglio.  Come responsabile dello Stacks Art Light Installation Project di Morro Bay, per l'evento Stavros ha noleggiato 14 B-EYE K10 da BGA.  Quattro proiettori sono stati dedicati a ciascuna ciminiera e due all'edificio di sette piani alle spalle delle torri.

“Stavolta abbiamo fatto una cosa di maggiore impatto visivo” afferma Stavros.  “Abbiamo usato le teste mobili e gli effetti grafici.  Abbiamo naturalmente inondato le ciminiere dei colori nazionali, il rosso, il bianco e il blu, ma abbiamo anche sfruttato tutto ciò che avevamo a disposizione per ottenere gli effetti più diversi.”  Stavros ha controllato le luci dalla Rocca di Morro Bay, a circa un miglio di distanza, usando un impianto esclusivo creato da lui stesso con una connessione cellulare, una rete VPN e un'interfaccia Apple iPad.

Stavros si augura che il successo della Stacks Art Light Installation stimolerà Morro Bay, una cittadina che punta molto sul turismo, a costituire un comitato che si impegni a illuminare le ciminiere in modo permanente.  “La città potrebbe organizzare sei o sette iniziative all'anno” afferma Stavros.

Stavros spiega che le sue realizzazioni ispirate alla guerrilla art – il ballo della scuola, il beach party e i due eventi legati alle ciminiere – sono state fatte con “pochissimi rig professionali e attrezzature speciali.  I B-EYE sono facilissimi da usare.  Li abbiamo piazzati e ne abbiamo ottenuto degli effetti sorprendenti senza tanta programmazione.”

Per questi motivi Stavros ritiene che esista un nuovo mercato potenziale di utenti di B-EYE che non sono professionisti del settore illumino-tecnico.  “I B-EYE possono accendere la creatività in un modo che potrebbe diventare virale in termini di nuova quota di mercato non ancora sfruttata per le teste mobili di questo calibro” sostiene Stavros.

“I B-EYE potrebbero essere impiegati in una vasta gamma di applicazioni da gruppi di interesse speciali – municipalità, club e discoteche, scuole e altre organizzazioni – che potrebbero sfruttare la potenza dei B-EYE per celebrare festività, eventi stagionali o speciali e dare un tocco creativo alle feste in genere.  I B-EYE sono delle luci davvero speciali!”

A.C.T Lighting, Inc. è il distributore esclusivo Claypaky in Nord America.

Francesco Romagnoli, Area Manager di Claypaky per Nord e Sud America, ha così commentato: “Quello di cui parliamo è un utilizzo davvero creativo e fantastico dei nostri B-EYE. Non possiamo che essere orgogliosi della fiducia accordataci da Mister Stavros, che li ha scelti per questi progetti.

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it