Tim di Spoleto

Anno

1999

Luogo

Italia

Lighting designer

Nicola Grandolini

Prodotti correlati

V.I.P. 300 V.I.P. 300 DIA
data pubblicazione: 16 Febbraio 1999

Combinare il nuovo con l'antico, la tradizione con la tecnologia è una delle sfide più suggestive portate avanti dall'interior design negli ultimi anni.

Telecom Italia Mobile si inserisce in questa ricerca, tanto che all'origine di ogni nuovo punto di vendita TIM c'è uno studio rigoroso sulle scelte architetturali e tecnologiche più adatte per rendere il negozio funzionale, accogliente e attrattivo.

UN GIOIELLO TECNOLOGICO ALL'INTERNO DELLE MURA DI SPOLETO
Il nuovo negozio Tim "Marconi" è stato ricavato all'interno delle mura medievali di Spoleto, con la volontà di fondere elementi classici e moderni. L'architetto Nicola Grandolini, direttore dello studio "Planet G", ci spiega come è nato il progetto: "Il cliente aveva già un punto di vendita Telecom nel centro di Spoleto. Per questo secondo negozio ha scelto di lavorare molto sull'immagine, e di adottare alcune tecniche che gli permettessero di informare in modo efficace circa i prodotti e i servizi offerti. A questo scopo è stato concepito un arredo che esaltasse il contrasto classico-moderno dato dalla fusione degli elementi storici delle mura antiche con il gioco di colori caldi e di segnali luminosi fortemente penetranti".

Il negozio TIM di Spoleto si compone di tre aree fondamentali, disposte su due piani. Il piano seminterrato ospita il servizio d'assistenza ai clienti e gli uffici direzionali, ed è quello che conserva maggiormente l'impronta antica, con un arco di mattoni che copre l'ingresso in prossimità della scalinata d'accesso al piano superiore.

Il piano terra è costituito da due salette, di cui una adibita alla vendita, all'attivazione dei contratti, alla ricarica delle tessere. La saletta attigua presenta invece una ricca esposizione di telefoni portatili, ed è caratterizzata da interessanti soluzioni d'arredo che costituiscono il segnale distintivo del negozio. Dunque, non solo praticità e funzionalità, ma anche ergonomia, innovatività e intrattenimento sono alla base di questo modello commerciale.

V.I.P. 300: COMUNICARE CON LA LUCE
Fra le più interessanti novità, c'è la proiezione di messaggi luminosi informativi e promozionali. Un V.I.P. 300 DIA Clay Paky è stato collocato sulla parete divisoria e dotato di un disco cambiadiapositiva a tre posizioni, che gli permette di proiettare sulle pareti i marchi del settore (Telecom, Motorola, TIM). Al proiettore è stato aggiunto uno specchio oscillante, che permette al marchio di "camminare" sulle pareti seguendo una traiettoria rettilinea e producendo una comunicazione immediata e creativa. L'aggiunta dello specchio permette in oltre una duttilità di movimento tale da raggiungere con notevole facilità anche le pareti più nascoste rispetto all'asse di proiezione. E' stato perciò sufficiente 1 solo V.I.P. per garantire una copertura completa dell'intero piano terra del negozio.

La disposizione del V.I.P. 300 è stata attentamente studiata dall'architetto Grandolini: "L'assonometria dell'illuminazione rispetto all'arredo è stata concepita proprio per spezzare la rigida geometria del locale; l'utilizzo del V.I.P. Clay Paky si inserisce in questo gioco di luci e di proporzioni, e contemporaneamente risolve le esigenze illuminotecniche dell'ambiente".

CON DISPLAY LINE DI CLAY PAKY L'ILLUMINAZIONE INFORMA E ARREDA
Dunque l'illuminazione diventa elemento determinante nell'organizzazione degli spazi interni, risultando in grado di integrare o di essere complementare agli altri arredi presenti. V.I.P. 300 DIA, che appartiene alla gamma di proiettori per informazioni visive DISPLAY LINE di CLAY PAKY, svolge perfettamente questo ruolo, interpretando in modo creativo gli spazi e producendo comunicazione. In oltre, Il V.I.P. dispone di due guide elettrificate su cui è possibile posare fino a tre accessori fra gli innumerevoli disponibili a catalogo, fra cui lo "specchio oscillante" usato in questa occasione: ciò permette una estrema versatilità di utilizzo e la totale assenza di scomodi e antiestetici cavi per l'alimentazione.

UN NEGOZIO RICCO DI IDEE
Fra le altre novità presenti nel centro TIM, troviamo diverse postazioni per la navigazione in internet e alcuni televisori dotati di antenna parabolica e sistemi di videoregistrazione per diffondere immagini di sicuro interesse: video musicali della MTV, eventi sportivi, le partite di calcio della nazionale italiana...Il negozio diviene quindi centro di intrattenimento, luogo "sociale". Non è più sufficiente proporre al cliente un buon prodotto o un'offerta vantaggiosa: bisogna anche offrirgli degli stimoli positivi, accoglierlo, sedurlo, e lasciargli il desiderio di ritornare presto. La clientela, sia quella giovane che quella più adulta, ama essere "corteggiata" al di là dell'impegno commerciale che la ha condotta in quel negozio. Molte delle nuove tecniche di promozione sul punto vendita, infatti, sono volte a favorire l'aspetto ludico e d'intrattenimento.

Nel centro TIM di Spoleto ogni dettaglio è curato con grande attenzione: pavimentazione con piastrellatura in Rex Lapis aggloquarzo blu, gres porcellanato per il seminterrato, scala che conduce al solaio in legno massello di ciliegio, mobili in legno antico recuperati, controsoffittature ora in piano, ora scalettate a regolarizzare le imperfezioni dei vari spigoli.
Particolare attenzione è stata usata anche nella scelta dei colori: verniciature in rosso e blu caratteristico di ogni centro TIM, cristalli in verde acqua marina, vetrine in blu, grigio metallo e radica di noce, laminati in azzurro, ringhiere e corrimano verniciate blu elettrico.
Tutto concorre a creare un effetto di gradevolezza, di atmosfera calda e non casuale, perché dovuta all'attento studio di ogni singolo elemento.

VERSO LE NUOVE FRONTIERE DELL'INTERIOR DESIGN
Conclude l'architetto Grandolini: "Abbiamo voluto proporre un ambiente socialmente in grado di unire giovani e meno giovani. Il negozio, oltre a essere un "punto di vendita", sarà sempre più un punto di riferimento e di ritrovo. Per questo motivo, bisogna curare ogni dettaglio dell'interior design, dalle soluzioni originali per l'arredamento, alla capacità espressiva dei colori, alla possibilità di trasmettere messaggi luminosi attraverso strumenti per l'illuminazione duttili ed efficaci. Se poi è possibile introdurre queste tecnologie suggestive in un contesto storico o artistico, come abbiamo fatto qui a Spoleto, possiamo dire di avere ottenuto il massimo dall'interior design!".

Per ulteriori informazioni contattare Davide Barbetta davide.barbetta@claypaky.it